0

Rivelato il nuovo Xperia E5, il Dual SIM di SONY

Da settimane si susseguono i rumors su Sony Xperia E5, il nuovo medio di gamma della casa giapponese, ma è di ieri la notizia di un suo avvistamento fortuito. È apparsa per pochi minuti, per poi essere prontamente rimossa, un immagine raffigurante proprio l’E5, sulla pagina Facebook di Sony.

Non è la prima volta che Sony incappa in questi errori, tanto da far pensare i più esperti ad una manovra di marketing. Ad ogni modo, dalla foto possiamo vedere come il design segua le linee della nuovissima serie X, con angoli esterni arrotondati, bordi estremamente ridotti e fotocamera circolare posta all’estrema sinistra della scocca. I tasti sono invece posti, come da tradizione, sul bordo destro. Si tratta di un design comunque gradevole e moderno, in linea con le tendenze del mercato anche nella colorazione grigia raffigurata nel post.

Sony Xperia E5

Le specifiche tecniche, seppur non complete, sono state invece rese pubbliche da GFXbench, che ci parla di un processore Mediatek MT6735 quad-core con frequenza di clock da 1.3ghz e RAM da 1.5GB, mentre la scheda grafica è una Mali-T720. Troviamo inoltre una configurazione classica per il reparto multimediale, composta da una fotocamera posteriore da 13 megapixel con flash led e una anteriore da 5.

16 i GB di ROM, ulteriormente espandibili tramite MicroSD. Dal punto di vista software è Android Marshmallow 6.0.1 a muovere il tutto, personalizzato con l’interfaccia proprietaria di Sony e le relative core-apps. La nota interessante? Il device sarà commercializzato anche in Italia in versione Dual SIM, ad un prezzo ancora sconosciuto ma si spera in linea con le caratteristiche tecniche.

La data di lancio non è ancora nota, ma il render mostra “FRI 5 JUN” nella schermata di blocco, lasciando aperta la porta a tutte le speculazioni possibili: che sia proprio il 5 Giugno la data scelta per il lancio globale? Lo scopriremo a breve. Un device che porta in dote un design accattivante, il supporto Dual SIM e, questa è la speranza, la qualità tipica dei prodotti Sony.

0

CoopVoce lancia 1 per Tutti: chiamate a 1 cent. verso tutti i numeri nazionali

[ Anteprima MVNO News ] Nuova promozione in arrivo per chi porta il proprio numero da altro gestore a CoopVoce tra il 2 e il 29 giugno 2016. Si tratta della “1 per Tutti” e permette di chiamare tutti i numeri nazionali (sia rete fissa che mobile) a 1 centesimo di euro al minuto, con uno scatto alla risposta di 10 centesimi e tariffazione sugli effettivi secondi di conversazione.

Gli SMS sono tariffati 10 centesimi ad invio, mentre la tariffa base prevista per la navigazione su territorio nazionale è di 1 centesimo di euro al MB. Non è previsto nessun canone mensile per questa offerta.

1 per Tutti CoopVoce

Se non si vuole utilizzare la tariffa base di 1 centesimo a MB per la navigazione internet, attivando “1 per Tutti” è possibile avere la Web 2 Giga al prezzo speciale di 5 euro al mese (con rinnovo automatico).

Note. Sono esclusi dalla tariffazione a 1 centesimo al minuto le chiamate verso numerazioni a sovrapprezzo e il traffico roaming. Per maggiori dettagli e le condizioni dell’offerta, consultare il sito coopvoce.it dal 2 giugno 2016.

0

MVNO Francesi: nel primo Trimestre 2016 a 7.3 milioni di linee

Osservatorio MVNO Francesi. Sono 71.8 milioni le SIM (escluse le M2M – Machine to Machine) attive in Francia nel primo trimestre 2016, secondo quanto riferisce l’ARCEP (autorité de régulation des communications électroniques et des postes) nel suo ultimo report.  In calo di 295.000 SIM rispetto al trimestre precedente e -514.000 in un anno. Il tasso di penetrazione della popolazione è del 108.1%.

Arcep Primo Trimestre 2016

Questo calo colpisce in particolar modo le utenze prepagate (in continua discesa dal marzo 2012), mentre cresce l’adesione alle offerte a forfait, +360.000 nel solo primo trimestre dell’anno. Sempre alto il numero delle portabilità: nel primo trimestre (dal 1° gennaio al 31 marzo) sono state 1.5 milioni.

Rimane abbastanza stabile la quota dei MVNO (Mobile Virtual Network Operatore – operatori mobili virtuali), al 10.5%, corrispondenti ad un parco utenze di 7.3 milioni di linee. Anche questa tipologia di operatori nel trimestre ha subito un leggero calo (in linea con quanto accaduto anche con i principali operatori di rete).

Per quanto riguarda il mercato M2M, sta facendo molto bene, con un record di crescita annua di 2.6 milioni di nuove SIM nel primo trimestre 2016. Il numero di SIM M2M raggiunge quota 11.3 milioni al 31 marzo 2016, con un incremento di 760.000 nel trimestre.

2

UK: Post Office Mobile chiude la sua avventura da MVNO

Mentre in Italia è mistero sull’eventuale vendita o meno di PosteMobile da parte di Poste Italiane, in Gran Bretagna, dove circa un anno fa nasceva il servizio di telefonia mobile (come MVNO) di Post Office (la più grande catena di servizi finanziari nel Regno Unito, con più filiali di tutte le banche e società di costruzione presenti nel Paese messe insieme, oltre 11.600), le cose non sono andate benissimo.

Post Office Mobile

Nonostante i prezzi competitivi proposti alla clientela, Post Office Mobile non sembra aver dato i risultati sperati e, dopo poco più di un anno dal lancio, è già giunta la fine di questo operatore mobile virtuale (che opera su rete EE).

Il CCO di Post Office – Martin George – ha spiegato che non era più sostenibile il business della telefonia mobile, per questo motivo è stata presa la decisione di chiuderlo, mentre la società continuerà a vendere servizi di banda larga. La notizia è stata già comunicata a tutti i propri clienti, spiegando loro la procedura per passare ad altro fornitore mantenendo il proprio numero di telefono.

Post Office Mobile aveva lanciato anche i servizi su rete 4G ma, forse anche per la scarsa copertura della rete di vendita (solo 263 uffici postali erano abilitati alla vendita e attivazione del servizio su 11.600) non ha ottenuto il successo sperato. Ora a tutti i clienti non resta che spostare la propria utenza verso altro gestore entro l’8 agosto 2016: dopo questa data infatti, tutte le SIM Post Office Mobile saranno disattivate e si dirà addio definitivamente a questo MVNO inglese.