MVNO: è vicina una regolamentazione tariffaria già nel 2017?

L’ormai imminente 2017 potrebbe diventare un anno da ricordare, per molti aspetti. Non solo il tanto atteso sbarco in Italia di Free Mobile, su cui si riversano molte aspettative (che speriamo non verranno deluse), ma anche il potenziale lancio di nuovi MVNO legato ad una novità che potrebbe risollevare il mercato degli operatori mobili virtuali.

In ambito UE oltre alle novità sul roaming previste per il 2017, si starebbe lavorando anche per regolamentare il mercato dei MVNO, con un annuncio che potrebbe arrivare nei primissimi mesi del nuovo anno, se non già a gennaio. Vi anticipiamo, per correttezza, che si tratta di un rumour che ci arriva da fonti verificate vicine al dossier e come tale va preso.

Chi ci segue da molto tempo, sa che dal 2007 (anno di nascita dei primi MVNO) ad oggi, abbiamo sempre sostenuto come sia necessario un intervento per tutelare gli operatori mobili virtuali e metterli nelle condizioni di creare vera concorrenza (attualmente quasi impossibile con i pochi margini a disposizione).

Dal 2007 ad oggi, tutti gli MVNO italiani hanno basato i loro guadagni sui margini ottenuti tra il costo dei pacchetti di minuti SMS e traffico dati acquistati tramite negoziazioni con uno dei 4 gestori di rete (TIM, Vodafone, Wind e 3) e le tariffe offerte ai propri clienti. Il problema della scarsa concorrenza tariffaria è tutto qui: le negoziazioni, che altro non sono che puri accordi commerciali, tra le parti. Accordi dove naturalmente il gestore della rete non rivende il proprio traffico voce, SMS e dati a prezzo di costo, ma al prezzo che impone e più fa comodo.

In questo modo, non stupisce come diverse realtà non ce l’abbiano fatta e altre non abbiano nemmeno provato ad entrare nel mercato della telefonia mobile. Oltretutto, l’arrivo di Free Mobile in Italia nel 2017 creerà potenzialmente una situazione simile a quella  francese, dove diversi MVNO non hanno retto all’arrivo dell’operatore low cost e hanno chiuso.

Anche per evitare situazioni di questo tipo e per aumentare la concorrenza, a breve potrebbe arrivare un annuncio su un intervento regolatorio che permetterebbe ai MVNO di accedere a tariffe più vantaggiose, con gruppi che potrebbero fare il loro ingresso nella telefonia mobile se la situazione dovesse cambiare e diventare quindi più favorevole.

Ci auguriamo che nelle prossime settimane o pochi mesi, quanto quello che per ora rimane solo un rumour possa diventare realtà, a sostegno di tanti piccoli operatori e della concorrenza (e quindi a favore di tutti i consumatori). La possibilità di un cambiamento c’è tutta e noi speriamo di tornare a scriverne su queste pagine al più presto.

Dì la tua o Rispondi ad un commento..