Roaming UE e operatori mobili virtuali (MVNO) Italiani che aderiscono

Dal 15 giugno 2017 è entrata in vigore la normativa sul Roaming UE (Roaming Like At Home), che prevede per tutti gli utenti di telefonia mobile in viaggio in altri paesi dell’Unione Europea la possibilità di effettuare telefonate, inviare messaggi di testo o navigare in rete senza pagare sovrapprezzi rispetto alla tariffazione nazionale.

La normativa prevede anche la possibilità, per alcuni operatori mobili (in particolare le realtà più piccole, come i MVNO) che dovessero avere perdite superiori al 3% del fatturato, di chiedere 12 mesi di deroga.

In questa speciale sezione abbiamo elencato i principali operatori mobili virtuali italiani che hanno aderito alla nuova normativa dal 15 giugno 2017, le eccezioni e le eventuali limitazioni sulle offerte tariffarie.

Roaming UE e MVNO

Operatore mobile virtuale Adesione normativa UE Dal… Risorsa
1Mobile SI 15 giugno 2017 Dettaglio
BT Mobile | BT Enìa SI 15 giugno 2017
CoopVoce SI 15 giugno 2017 Dettaglio
Daily Telecom Mobile SI 15 giugno 2017 Dettaglio
DIGI Mobil NO Dettaglio
ERG Mobile SI 15 giugno 2017 Dettaglio
Fastweb Mobile SI 15 giugno 2017 Dettaglio
Green Mobile SI 15 giugno 2017
Kena Mobile SI 15 giugno 2017 Dettaglio
Lycamobile Parzialmente 15 giugno 2017 Dettaglio
Noitel Mobile SI 15 giugno 2017 Dettaglio
PosteMobile SI 15 giugno 2017 Dettaglio
Rabona Mobile SI 15 giugno 2017 Dettaglio
Ringo Mobile NO Dettaglio
SIMPiù SI 15 giugno 2017 Dettaglio
Tiscali Mobile SI 15 giugno 2017 Dettaglio

Alcuni operatori mobili virtuali che hanno deciso di aderire da subito alla nuova normativa europea sul roaming, hanno però applicato alcune limitazioni alle proprie offerte. A questo link il nostro approfondimento con tutti gli operatori coinvolti e le limitazioni applicate.


I Paesi che aderiscono alla nuova normativa sul roaming in UE (Roam like at home). E’ possibile utilizzare le tariffe e le opzioni a pacchetto attive a livello nazionale in ben 31 diversi Paesi.

I 28 Paesi  dell’Unione Europea: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Slovacchia, Spagna, Svezia, Regno Unito, a cui si aggiungono anche IslandaLiechtenstein e Norvegia, che fanno parte della European Economic Area (EEA).


Non perdere nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram  oppure seguici su Facebook o su Twitter | Google+

Advertisements

4 Risposte

  1. Alessandro ha detto:

    Ma “roaming like at home” varra’ anche nel regno unito nonostante la procedura di uscita della UE?

  2. Enrico pilisi ha detto:

    Ottima notizia !
    grazie dell avvertimento!

  3. Marcello C. ha detto:

    Buongiorno, scusate ma che vuol dire che questi operatori ADERISCONO?

    Mi risulta sia un obbligo di legge applicare il Roaming Like At Home a partire dal 15 giugno 2017, non una adesione su base volontaria.

    Così, giusto per capire…

Dì la tua o Rispondi ad un commento..