Indagine 2010 sui MVNO Italiani: ecco tutti i risultati!


Per il secondo anno consecutivo, abbiamo chiuso da pochi giorni la nostra nuova Indagine sui MVNO Italiani. Come per la scorsa Indagine 2009, anche per quella del 2010 sono stati oltre 200 i questionari compilati dai nostri lettori. Ecco tutti i risultati e i dati che ne sono usciti. Hanno aderito all’indagine i titolari di una o più SIM di operatori mobili virtuali italiani. Il 94% dei titolari di SIM di MVNO che hanno compilato il nostro questionario è uomo, il restante 6% donna. Questa la suddivisione per fasce d’età:

A tutti i partecipanti è stato chiesto quale SIM di quale operatore mobile virtuale si fosse in possesso, e questi sono i risultati: la maggioranza delle preferenze è andata (47%) a PosteMobile, seguita da Tiscali Mobile (33%), Nòverca (30%), CoopVoce (28%), MTV Mobile (14%), Carrefour UNO Mobile (13%), Fastweb Mobile (11%), ERG Mobile e A-Mobile (entrambi all’8%), Lycamobile (2%), Digitel Italia e Telepass Mobile (entrambi all’1%). Escono dall’ndagine, per mancanza di dati, BT Mobile, Daily Telecom Mobile e 50&PiùNet. Gli utenti in questo sondaggio potevano selezionare più caselle di controllo, pertanto le percentuali possono dare una somma maggiore del 100%. Entriamo nel vivo dell’Indagine. Alla domanda ‘Utilizzi come SIM Primaria quella di un MVNO o di un operatore di rete tradizionale?’ nel 59% dei casi si preferisce utilizzare come SIM primaria quella di un MVNO, nel 41% quella di un gestore tradizionale. Tra chi ha preferito un MVNO nell’utilizzo come SIM Primaria, le preferenze sono andate per un 25% a PosteMobile, per un 13% a Tiscali Mobile, per un 9% a CoopVoce, 8% a Nòverca, 4% a Fastweb Mobile, 3% a MTV Mobile, 2% a ERG Mobile, 1% a Carrefour UNO Mobile, A-Mobile e Lycamobile. Interessanti le motivazioni che hanno portato gli utenti a scegliere una SIM di un MVNO piuttosto che di un operatore mobile tradizionale. Al primo posto troviamo come motivazione la convenienza delle tariffe ‘Voce’ (61%), al secondo posto (32%) le promozioni o offerte proposte, al terzo posto (31%) la convenienza delle tariffe sugli SMS, a seguire (un bel 26%) la fiducia nel Brand/Marchio della società che gestisce il servizio, al quinto posto SIM promozionale ricevuta gratuitamente (17%), a seguire la convenienza delle tariffe ‘Dati’ (9%)e un 6% per la convenienza delle tariffe voce e SMS internazionali (altro 7%). Abbiamo riproposto, come per il 2009, anche in questa Indagine la seguente domanda: ‘La vendita di cellulari/smartphone Dual SIM da parte dei vari MVNO, potrebbe essere un incentivo ad utilizzare anche una SIM di un operatore mobile virtuale oltre a quella di un operatore di rete tradizionale?’. Per la maggioranza (82%) la risposta è stata un SI (contro il 18% di NO): dati ancora più decisi rispetto all’Indagine 2009, dove si erano ottenute percentuali più basse. Passiamo ora all’Assistenza Clienti, nota dolente per molti operatori mobili.

Quella tramite operatore (e gratuita) continua ad essere di gran lunga la preferita, mentre, come si può notare dal grafico qui sopra, il risponditore automatico continua ad essere tra i meno apprezzati dai clienti. Ma una sorpresa arriva ad una domanda molto più specifica: ‘Nel caso un operatore mobile virtuale fornisse un’assistenza al cliente via mail con risposta garantita entro 6 ore dalla richiesta (nella fascia operativa dalle 8 alle 20) preferireste questo metodo alla classica chiamata al Servizio Clienti?‘. Ben il 62% ha optato per il SI contro il 38%, segno che anche l’assistenza fornita al cliente può evolversi e puntare su canali diversi oltre quello tradizionale (telefonico), a patto naturalmente che venga garantita una risposta certa in tempi brevi.

Advertisements