MVNO Spagnoli: 6 mesi di crescita ininterrotta. Quota di mercato al 5,26%


Continua la crescita, di mese in mese, degli operatori mobili virtuali in Spagna. Se fino a buona parte del 2010 si era assistito ad una fase di stagnazione, negli ultimi mesi il trend sembra essere di continua crescita. Secondo gli ultimi dati della CMT (l’Authority spagnola delle telecomunicazioni) pubblicati in questi giorni e riguardanti il mese di Aprile 2011, i MVNO (Mobile Virtual Network Operator) hanno raggiunto una quota di mercato del 5,26% (nel grafico a sx il colore giallo). Certo, ancora un dato marginale se si pensa che Movistar è al 41,34%, Vodafone al 28,60% e Orange al 20,23% di quota di mercato. Ma da notare che tutti e tre i principali operatori spagnoli nel mese di aprile hanno avuto un segno negativo nel bilancio tra linee acquisite e linee perse (attraverso la portabilità del numero) e questa situazione si è ripetuta più volte nel corso degli ultimi mesi.

Se andiamo a confrontare il mese di Aprile 2011 con lo stesso periodo del 2010, scopriamo che gli operatori mobili virtuali hanno guadagnato oltre il 2% di quota di mercato in 12 mesi (nel confronto ad esempio tra febbraio 2009 e lo stesso mese del 2010 la crescita si era attestata intorno ad un punto percentuale) passando da un 3,02% ad un 5,26%. Se andiamo a vedere invece i dati dei due principali operatori mobili spagnoli, scopriamo che Movistar in un anno passa dal 43,11% al 41,34% (-1,77%), mentre Vodafone da un 30,74% a un 28,60% (-2,14%). Ma vediamo nel dettaglio la crescita dei MVNO Spagnoli negli ultimi sei mesi:

  • Novembre 2010: 3,49%
  • Dicembre 2010: 3,52%
  • Gennaio 2011: 4,82% (+1,3% in un mese!)
  • Febbraio 2011: 4,92%
  • Marzo 2011: 5,10%
  • Aprile 2011: 5,26%

Come si può notare dai dati appena esposti, gli ultimi sei mesi sono stati particolarmente positivi per gli operatori mobili virtuali operanti in Spagna, con un trend di crescita ininterrotta che sarà interessante scoprire quanto proseguirà ancora. Il tutto, in attesa di conoscere i dati annuali per le realtà italiane e che non mancheremo di fornirvi appena disponibili.