Progetto Nova: Google si lancia come MVNO negli Stati Uniti


Un primo rumor girava già dallo scorso aprile 2014, per poi farsi sempre più insistente poche settimane fa. Ora arriva l’ufficialità: con il progetto Nova, Google conferma l’obiettivo di lanciarsi nella telefonia mobile come MVNO (Mobile Virtual Network Operator).

Sundar Pichai

Secondo la dichiarazione rilasciata al Mobile World Congress 2015 da Sundar Pichai, a capo del progetto Android, Chrome e delle app targate Google, nel giro di pochi mesi dovrebbe diventare un operatore mobile virtuale, in grado cioè di fornire servizi di telefonia appoggiandosi agli altri operatori esistenti, senza essere in possesso delle licenze e delle infrastrutture necessarie.

Il “Progetto Nova” permetterà di creare un collegamento tra la rete Wi-Fi e quella del gestore telefonico, così lo smartphone potrà passare automaticamente dall’una all’altra cercando di limitare i problemi dovuti alla mancanza di segnale. Inoltre, in caso di caduta della chiamata, i telefoni richiameranno automaticamente il numero con cui si era collegati.

Nova, è un progetto che debutterà inizialmente sul mercato degli Stati Uniti (sono stati raggiunti accordi con Verizon e AT&T), per poi estendersi al resto del mondo, Europa inclusa. «Siamo entrati in una fase in cui dobbiamo pensare hardware, software e connettività insieme – ha detto Pichai al MWC di Barcellona – Vogliamo abbattere i limiti dei servizi di connettività importando alcune innovazioni». Non resterà che attenderne il debutto e scoprire quale accoglienza riceverà questo ambizioso progetto di Big G.