AGCOM: estesa tariffa di terminazione anche ai Full MVNO (PosteMobile, Lycamobile, BT Italia e Noverca)


Il Consiglio dell’AGCOM (Delibera n. 50/14/CONS) ha esteso, per il periodo 2014-2017, la tariffa di terminazione (pari a 0,98 centesimi di euro al minuto) anche ai quattro Full MVNO (operatori mobili virtuali) PosteMobile, Lycamobile, BT Italia e Nòverca. (La  tariffa di terminazione, lo ricordiamo, è quello che gli operatori telefonici incassano per le chiamate che terminano sulla propria rete).

AGCOM

Per l’Authority, i quattro operatori mobili virtuali “pur sprovvisti di risorse radio, offrono, tramite le proprie infrastrutture di rete, servizi di terminazione vocale ad altri operatori” (come il caso di Nòverca, che è MVNE di Noitel Mobile e altre realtà). Mentre per quanto riguarda TIM, Vodafone, Wind e H3G, l’AGCOM  ha imposto loro gli obblighi di: “accesso e uso di determinate risorse di rete; trasparenza; non discriminazione; controllo dei prezzi e contabilità dei costi”.

Cosa cambia? Tralasciando il burocratese tipico delle comunicazioni dell’AGCOM, per spiegare meglio i cambiamenti apportati dall’Authority, facciamo un esempio pratico prendendo in considerazione PosteMobile (il più grande dei Full MVNO attivi in Italia): con questa nuova delibera, tutte le chiamate ricevute dai clienti PosteMobile dagli altri tre Full MVNO e da TIM, Vodafone, Wind e Tre, faranno incassare all’operatore del gruppo Poste Italiane 0.98 centesimi di euro al minuto. Viceversa, tutte le chiamate in uscita da PosteMobile e terminate sulle linee degli altri tre Full MVNO e dei quattro operatori di rete, verranno pagate da PosteMobile 0.98 centesimi di euro al minuto. Nessuna asimmetria dunque per gli operatori più “piccoli” del mercato, che dovranno sborsare quanto i “grandi” (mentre per anni H3G ha potuto usufruire di costi di terminazione verso la propria rete molto più alti dei concorrenti, per i Full MVNO nessun privilegio).

Sono anni che i nostri “virtuali” lamentano l’impossibilità di accedere a tariffe al costo o comunque che permettano di poter creare marginalità e soprattutto vera concorrenza (non a caso diversi di questi hanno dovuto cessare le proprie attività nel tempo). Quanto ancora si dovrà aspettare prima di un intervento concreto? AGCOM, se ci sei, batti un colpo…


Segui MVNO News anche su Google Newsclicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti al nostro canale Telegram e alla community su Facebook Twitter. MVNO News è inoltre una comoda Web App gratuita, scaricala subito!

Commenta o Rispondi ad un commento..