Niel (Free Mobile): in Italia 15% quota di mercato prospettiva ragionevole


Degli ottimi risultati ottenuti da Free (sia nel fisso che nel mobile) in Francia, abbiamo già parlato dettagliatamente (qui l’articolo con tutti i dati relativi al primo semestre 2016) nei giorni scorsi. Partire da zero e arrivare in soli 4 anni ad una quota di mercato nel mobile del 17.4% con oltre 12 milioni di utenti (12.080.000), non è cosa da poco (la 3 in Italia ha impiegato 14 anni per raggiungere 10.5 milioni di utenze), eppure Xavier Niel con Free c’è riuscito.

Xavier Niel

Il fondatore di Iliad (la società madre dell’operatore Free), presente anche sul mercato svizzero con Salt. (tramite la sua holding privata NJJ Capital), ora punta dritto sull’Italia e, anche per il nostro mercato, sembra avere già le idee chiare. Secondo Niel, il raggiungimento del 15% di quota di mercato in Italia è una prospettiva ragionevole per i prossimi anni.

Non ha però – per ora – anticipato nulla sulla sua strategia di business nella penisola. Per molti osservatori, c’è una buona possibilità che possa optare per una offerta simile a quella che ha portato al successo Free in Francia. Vale a dire, scommettere su pochi pacchetti a prezzi stracciati, come l’offerta “basic/low cost” da 2 euro al mese e l’altra da 19,99 euro con chiamate e sms illimitati e traffico dati (50 GB).

Scrive Agathe Martin, analista della Exane-BNP Paribas, su La Tribune (quotidiano economico-finanziario francese): “Nella telefonia mobile, l’offerta più bassa che si possa attualmente trovare in Italia è di 7 euro/mese, con una media di circa 9 euro/mese. Sotto questo cifra, un pacchetto di 2 euro potrebbe facilmente attirare un gran numero di consumatori, soprattutto perché siamo lì in un mercato dove le prepagate sono predominanti e dove l’uso della voce è molto più importante di quello dei dati”.

Mercato mobile italiano

Effettivamente, a differenza di quanto avviene in Francia, dove gli abbonamenti sono oltre l’80%, il mercato italiano ha una concentrazione di utenze prepagate del 76.4% (ultimi dati AGCOM riferiti al primo trimestre 2016) e del 23.6% di abbonamenti (quindi totalmente invertita rispetto ai nostri vicini francesi). Nulla vieta di pensare che l’offerta commerciale possa essere sviluppata diversamente (o con qualche “limatura”) rispetto a quella presente in Francia.

A differenza del lancio di operatori come 3 o Wind, in Italia Free Mobile non partirà da zero, ma potrà contare su un pacchetto di frequenze (costato 450 milioni di euro) tale da garantirgli una prima parziale copertura del territorio italiano di tutto rispetto (nell’immagine che segue, lo spettro totale a disposizione di Free Mobile).

Iliad asset Italia

Problema MVNO. In Francia, l’offerta “aggressiva” proposta da Free Mobile ha in poco tempo anche portato alla chiusura di diversi operatori mobili virtuali. Oltretutto, al lancio avvenuto nel 2012, Free Mobile aveva sì garantito accesso sulla propria rete agli operatori “virtuali” (anche nella formula “Full MVNO”) che ne avessero fatto richiesta, ma le tariffe inizialmente proposte, sono risultate addirittura più alte di quelle proposte ai propri clienti (tanto da costringere l’ARCEP – Autorité de régulation des communications électroniques – ad aprire una procedura di infrazione).

Full MVNO rete Free Mobile

Successivamente l’operatore rispose alle critiche adducendo che in fase di trattativa le tariffe effettivamente proposte agli operatori mobili virtuali interessati all’utilizzo della rete di Free sarebbero state più basse. Non resta che augurarci uno sbarco italiano con tariffe aggressive sia per gli utenti finali che per eventuali MVNO che decideranno di lanciare i propri servizi sfruttando la rete del futuro quarto operatore mobile italiano.


Segui MVNO News anche su Google Newsclicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti al nostro canale Telegram e alla community su Facebook Twitter. MVNO News è inoltre una comoda Web App gratuita, scaricala subito!

Commenta o Rispondi ad un commento..