Free Mobile fa paura: TIM verso il lancio di un nuovo MVNO “low cost”


TIM ci riprova: dopo l’esperienza MTV Mobile (l’operatore mobile virtuale che nelle intenzioni doveva conquistare i giovani, ma finì per conquistarne davvero pochi dovendo chiudere dopo solo tre anni), il gruppo guidato da Flavio Cattaneo vuole lanciare nel corso del 2017 un nuovo MVNO “low cost” per contrastare l’arrivo di Free Mobile.

TIM

Comincia quindi ad avere un senso l’acquisto di Nòverca Srl effettuato qualche settimana da Telecom Italia, grazie alla quale ha in casa la piattaforma giusta per poter lanciare il suo nuovo MVNO.

L’idea di Cattaneo – come riporta Repubblica oggi – è quella di lanciare un operatore “no frills” ovvero per il segmento medio basso, che non abbia niente in comune con TIM a cominciare dal nome, che abbia un suo software e una gestione separata e chi si appoggi alla rete di Telecom e all’esperienza commerciale dell’ex monopolista per tutto il resto, dalla fatturazione al marketing.

TIM punta a lanciare il suo operatore mobile virtuale ad inizio 2017, giocando d’anticipo sul lancio di Free Mobile e i primi test sembrerebbero già in corso. Anche Vodafone starebbe lavorando su una soluzione simile, magari rispolverando il marchio TeleTu utilizzato per la telefonia fissa (il brand Tele2, come erroneamene riportato da Repubblica e poi rettificato è di proprietà di Tele2 AB Svezia), mentre Wind e 3, al momento ben impegnate nel progetto di fusione e integrazione, potrebbero mantenere i due marchi per segmentare il mercato.

Ora qualcuno venga a dire che l’arrivo di un nuovo concorrente nel mercato della telefonia non aiuterà il consumatore italiano a risparmiare: grazie a Iliad e alla sua Free, in pochi mesi vedremo uno stravolgimento del mercato, con nuovi “virtuali” pronti al lancio che altrimenti nessuno si sarebbe mai preoccupato di far nascere.

7 Risposte

  1. Fabio ha detto:

    Tim avrebbe già dovuto anticipare tutti con Noverca e sfruttare e/o mantenere le sue opzioni soprattutto per le chiamata da e verso l’estero e riuscire a raccogliere soprattutto i cittadini stranieri e gli italiani basso spendenti. Ed evitare di assorbirli in Tim

  2. Giacomo ha detto:

    Gli auguro di fare bene come in Francia e portare via milioni di clienti agli altri gestori che per anni ci han preso in giro tra “per sempre” che sistematicamente diventavano rimodulazioni e servizi essenziali messi a pagamento. Forza Free!!

  3. Renzo ha detto:

    Sono perplesso: più che un discorso di non aiuto per risparmiare e/o la necessità di un (altro!) nuovo vurtuale, direi che in casa TIM non hanno le idee molto chiare.
    Per rispondere in maniera decisa a Free Mobile, non sarebbe stato il caso di togliere tutti i vari TIM Go, TIM Prime, non sarebbe stato il caso di sanare (tutte!) quelle anomalie, come ad esempio i vistosi buchi nei rinnovi delle opzioni, e non sarebbe stato il caso di investire sulla rete 3G e 4G? :-O

    • Paolo ha detto:

      Vedrai che faranno la fine di MTV Mobile. Spenderanno una vagonata di soldi per il lancio di un “virtuale” low cost (almeno si spera) in tempi record (visto che Noverca l’hanno acquisita da poco) e con tutte le conseguenze del caso. Vedrai che sarà l’ennesimo flop delle genialate tirate fuori dal marketing di TIM… =D

      • Renzo ha detto:

        Sì può essere!
        Anche perché, diciamocelo: il termine “low cost” in casa Telecom/TIM, non ha senso, cioè loro proprio non ne capiscono il significato… :p :p :p
        Comunque, insieme alle altre considerazioni che ho detto nel post precedente, ci aggiungo che TIM potrebbe “trattare” un po’ meglio gli MVNO che già ospita.

  4. Enrico ha detto:

    Forza free mobile sbarazziamoci dei ladri autorizzati ogni 28 gg…

  5. Fabrizio ha detto:

    Grazie Niel! Ma quanta paura sta facendo l’arrivo di Free? Adoroooo :)

Commenta o Rispondi ad un commento..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: