Roaming in UE: aderisce anche PosteMobile dal 15 giugno 2017


Lo scorso mese di aprile il direttore generale della DG Connect (Directorate General for Communications Networks, Content & Technology) della Commissione Europea Roberto Viola, spiegava come alcuni operatori mobili virtuali potrebbero non riuscire ad applicare la normativa sul Roaming in UE dalla data del 15 giugno (con l’eventualità di una deroga di 12 mesi).

PosteMobile Roaming UE

Dalle informazioni in nostro possesso, ad oggi sembrerebbe ormai sicuro che la maggior parte dei MVNO (almeno quelli italiani) aderiranno, senza chiedere alcuna deroga.

Tra questi non poteva mancare il principale operatore mobile virtuale del Paese (per quota di mercato), PosteMobile. Dal 15 giugno PosteMobile si adeguerà dunque alla normativa, consentendo ai suoi clienti di chiamare e inviare SMS in roaming con le attuali tariffe previste dal proprio piano tariffario o dall’offerta a pacchetto attiva sulla linea.

A questo link trovate la nostra sezione dedicata con l’aggiornamento della situazione da qui al 15 giugno e l’elenco di tutti gli operatori mobili virtuali che hanno deciso di aderire alla nuova normativa.

Roaming UE e MVNO


Non perdere nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram  oppure seguici su Facebook o su Twitter | Google+