Acotel torna a fare il Full MVNO, ma questa volta per l’IoT (Internet of Things)


Acotel torna nel mondo della telefonia mobile, sempre come Full MVNO, ma questa volta niente servizi voce, SMS e dati (come accade per la maggior parte delle realtà attualmente attive), parliamo invece di SIM M2M (Machine to Machine) per servizi evoluti.

Si tratta di SIM per il solo traffico dati GPRS completamente gestite da Acotel che sfrutteranno uno dei principali operatori di rete (TIM, Vodafone o Wind Tre), e a cui è stato assegnato il prefisso 321.6 (con MNC – Mobile Network Code – 52). Arco di numerazione simile a quelli già visti con Enel (321.1, 321.2, 321.3, 321.4, 321.5), anche qui Full MVNO per SIM Machine to Machine. 

SIM M2M Acotel

L’utilizzo da parte della divisione Acotel Net (che offre servizi sull’efficientamento energetico, energy management e smart metering) è molto semplice.

Grazie alle SIM inserite in appositi prodotti commercializzati dal gruppo, come ad esempio lo SMART MEM (per il rilevamento dei consumi energetici), viene sfruttata la rete dati per inviare periodicamente tutti gli aggiornamenti sui consumi di energia elettrica della propria abitazione (ma servizi simili esistono anche per le aziende che vogliono tenere sotto controllo i propri consumi e quindi i costi o monitorare una linea di produzione e così via).

LEGGI ANCHE: Intervista a Davide Carnevale, direttore marketing Acotel

Si parla molto dell’Internet of Thing e questo è uno dei tanti esempi di come si possono connettere “oggetti” per fornire servizi utili a cittadini e aziende. Un’opportunità anche per tanti operatori mobili virtuali che possono aprirsi a settori ed utilizzi alternativi alla semplice telefonia mobile. E siamo solo all’inizio.


Non perdere nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram  oppure seguici su Facebook o su Twitter | Google+

Commenta o Rispondi ad un commento..