Ho. Mobile il brand “segreto” del nuovo MVNO di Vodafone/VEI?


Potrebbe sembrare una assurdità, eppure in queste ore sta prendendo piede l’ipotesi che il brand Ho. Mobile possa essere legato più al nuovo MVNO di Vodafone che al previsto lancio del nuovo operatore mobile del gruppo Iliad.

ho. mobile

Secondo quanto pubblicato oggi dai colleghi di UNIVERSOfree.Com, è arrivata conferma che il gruppo Iliad non è in alcun modo legato al brand “Ho.” e “Ho. Mobile” depositato ad aprile (il primo) e a settembre (il secondo) da uno studio di avvocati di Milano (evidentemente per conto di una società terza).

Quello che appariva come un brand che richiamava in parte il logo del terzo operatore mobile svizzero (Salt. Mobile, di proprietà del fondatore del gruppo Iliad), con cui condivide una caratteristica grafica (quel “.” posizionato a chiusura del brand) e che ha fatto pensare subito ad un legame con il lancio del nuovo operatore mobile nel nostro Paese da parte di Iliad, appartiene nella realtà a qualcun altro.

Così come il portale homobile.it, la cui registrazione al NIC (il registro dei domini .it) risulterebbe aggiornata proprio nel mese di aprile 2017, con intestazione legata ad una agenzia che si occupa della realizzazione di siti web e app.

Per il momento si resta solo nel campo delle ipotesi, perché l’unica conferma rimane quella che non si tratta di un marchio depositato dal gruppo Iliad, ma comunque legato al mondo delle telecomunicazioni.

Tra i prossimi lanci previsti in Italia, tra i MVNO è noto quello di Welcome Italia così come quello di Vectone Mobile (il cui debutto è sempre più avvolto nel mistero). Nulla insomma che possa avere dei collegamenti con il marchio “Ho.”.

Diteci la vostra… pensate possa essere un brand legato al nuovo operatore mobile virtuale di Vodafone o a qualcun altro?


Non perdere nemmeno una notizia, unisciti al nostro canale Telegram per ricevere una notifica immediata per ogni nuova pubblicazione e seguici su Facebook Twitter e Google+

6 Risposte

  1. ANTONIO ha detto:

    Secondo me questi sono un pugno di rincoglioniti , dato che prima di confermare un azz di marchio, prima si deve registrare e poi iniziare a pubblicizzare . (io quando ho aperto i miei 2 locali di fast food sono rimasto in ballo x ben 3 mesi x registrare il mio marchio, in quando tutti i nomi che avevo scelto erano già stati tutti registrati. E questi che sono tutti laureati o altro non riescono a registrare un azz di marchio??????? GATTA CI COVA !!!!!!!

  2. Mario ha detto:

    Cavoli, ma se non sarà Free Mobile né Ho. Mobile, che vogliano forse usare direttamente Iliad?

    • ANTONIO ha detto:

      Scusate ma questi problemi si scoprono a pochi giorni del debutto??????? Ragazzi qui Gatta ci cova!!!!!!! Il fatto che da fine anno ,adesso il debutto è previsto ai primi mesi del 2018, il roaming nazionale con Windtre non gli basta più e stanno accordandosi anche con Tim, non riescono a trovare un marchio????? Io intanto me ne sto con 3 x il mobile e Infostrada con il fisso, dato che stanno ritornando i classici 30 gg!!

  3. Mauro ha detto:

    Fake news! Il quarto operatore non può essere virtuale, né legato agli altri operatori esistenti.

    • Redazione ha detto:

      Ci viene il dubbio che non hai proprio letto l’articolo… Rileggi con attenzione, poi ti renderai conto di aver scritto un commento “fake”… ;)

  4. Dario ha detto:

    La mia curiosità sta crescendo a dismisura… se non è il brand di Iliad in Italia a questo punto se è registrato come operatore telefonico, vuol dire che qualcuno lo utilizzerà prima o poi. L’ipotesi Vodafone effettivamente ci starebbe tutta. Se qualcuno sa, parli ora! =D

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: