Tiscali: nuove risorse per il piano industriale 2018-2021


Potrebbe essere un po’ meno incerto il futuro di Tiscali, con i russi che ne detengono il controllo ora pronti a ricapitalizzare grazie a nuove risorse messe a disposizione dei soci e da una “new entry”.

E’ quanto riferisce oggi il quotidiano romano il Messaggero, che parla di un incontro tra Riccardo Ruggiero (AD del gruppo tlc) e i rappresentanti di banca Intesa Sanpaolo e Banco Bpm.

Ruggiero e il suo staff avrebbe presentato alle due banche la bozza del nuovo piano industriale 2018-2021, dove è previsto anche un rafforzamento degli investimenti nella tecnologia LTE (quella utilizzata per fornire internet a banda larga con velocità fino a 100 Mbps in 4G+ senza linea fissa. Non parliamo dunque di LTE applicato al servizio di telefonia mobile, dove il gestore opera come ESP MVNO).

Secondo quanto riferisce il Messaggero

L’attuale AD che in passato ha guidato Olivetti, Infostrada e Telecom farebbe leva su iniezioni fresche di equity per complessive 50 milioni nell’arco di piano (in borsa ne vale 125): circa 15 milioni verrebbero immessi dai primi due azionisti russi Investment Construction Technology group ltd (23,5%) e Otkritiedisciplined Equity Fund (13,4%) ai quali potrebbe affiancarsi Blue Ocean, un fondo delle Seychelles.

Blue Ocean, affacciatosi in Italia sul dossier Zucchi, sottoscriverebbe strumenti convertibili emessi in alcuni anni per circa 35 milioni.

La manovra servirà a Ruggiero per implementare il piano industriale al 2021 che prevede ricavi a 289 milioni (sono stati 208 milioni nel 2017).

Inoltre, sempre l’AD del gruppo, punta ad ottenere dall’AGCOM una proroga al 2029 sull’utilizzo delle frequenze 3.4 e 3.6 ghz e investimenti sulla tecnologia LTE.


Nel pomeriggio la società ha diffuso un comunicato stampa in merito alle indiscrezioni pubblicate oggi e che riportiamo integralmente:

Tiscali S.p.A., su richiesta dell’Autorità, con riferimento all’articolo apparso in data odierna sul quotidiano “Il Messaggero”, conferma che sono in corso preliminari discussioni con i Senior Lenders (Intesa Sanpaolo e Banco BPM) per una proroga dello standstill già precedentemente richiesto agli istituti finanziatori. Precisa altresì che il mandato conferito a Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A. – ad agire come advisor finanziario della Società per valutare possibili opzioni strategiche per il Gruppo, come già comunicato al mercato, è a tutt’oggi in essere.

Per quanto concerne gli impegni di supporto dei soci, sono in corso discussioni per la definizione degli importi. Si confermano le interlocuzioni, ad oggi in fase embrionale, con il fondo Blue Ocean.

Infine, con riguardo ai dati previsionali e di periodo riportati nell’articolo (ossia, al 2021 e al 2017, rispettivamente, ricavi di Euro 289 milioni e 208 milioni ed un EBITDA di Euro 89 milioni e 29 milioni), si precisa che ad oggi Tiscali ha approvato e comunicato unicamente i dati, certificati dalla Società di Revisione, relativi all’esercizio 2016 ed al primo semestre 2017, oltre all’informativa mensile ai sensi dell’art. 114 comma 5 D.Lgs N. 58/98, pertanto l’Emittente non può confermare i dati previsionali e di periodo riportati nell’articolo.

La Società provvederà a comunicare al mercato, ai sensi della vigente normativa, i dati relativi all’esercizio 2017 in seguito all’approvazione del progetto di bilancio da parte del Consiglio di Amministrazione che si riunirà entro il 27 aprile 2018.


Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti alle oltre 1.430 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche di nuove pubblicazioni in tempo reale con il nostro canale Telegram oppure seguici su Facebook Twitter e Google+

Advertisements

Commenta la notizia o Rispondi ad un commento..