AGCOM: al 31 marzo 2018 linee MVNO 8.2 milioni (senza Kena Mobile). In calo PosteMobile e CoopVoce, cresce Fastweb Mobile


Ancora sopra quota 100 milioni (100.600.000 per la precisione) le linee mobili attive in Italia al 31 marzo 2018 (qui i dati del trimestre precedente), secondo quanto riferisce oggi l’AGCOM nel suo report trimestrale sulle telecomunicazioni.

Le SIM M2M (Machine to Machine) raggiungono i 17.2 milioni (erano 16.3 milioni a fine dicembre 2017 e 13.1 milioni nello stesso periodo di un anno fa). Le SIM “Human” *, escluse le M2M, in calo a 83.4 milioni (-500.000 rispetto al trimestre precedente).

SIM MVNO Marzo 2018

Confronto dati SIM telefonia mobile marzo 2018 – marzo 2017

Con riferimento alle SIM complessive, il peso di Wind Tre, TIM e Vodafone di fatto si equivale, essendo tutte intorno al 30%: 30.8% Wind Tre e TIM e 30.2% Vodafone. TIM recupera terreno e ora detiene la stessa quota di mercato di Wind Tre.

Se si guarda alle sole SIM “Human”, Wind Tre rimane saldamente al primo posto con il 35% di quota di mercato, seguita da TIM, che cresce al 28.6% e Vodafone in calo al 26.7%.

Gli operatori mobili virtuali (MVNO) al 31 marzo 2018 sono cresciuti all’8.2% di quota di mercato per numero SIM complessive (erano all’8% a fine dicembre 2017). Per quanto riguarda invece il totale SIM “Human”(ovvero escluse le M2M, ma incluse le SIM che effettuano traffico «solo voce» o «voce e dati», incluse le SIM solo dati con interazione umana come ad es: chiavette per PC, SIM per tablet), i MVNO hanno raggiunto il 9.7% di quota di mercato (anche qui in crescita rispetto al trimestre precedente).

PosteMobile si conferma leader tra gli operatori mobili virtuali ma continua la sua parabola discendente, attestandosi al 47.3% (a dicembre 2017 era a quota 47.5%). Al contrario, buona la crescita ottenuta da Fastweb Mobile che passa al 19.6% (era al 18.7% di quota di mercato nel trimestre precedente) e cresce del 3.6% rispetto ad un anno fa.

Al terzo posto ancora Lycamobile, in crescita al 12.6%, contro il 12.2% di fine anno. In calo di quasi un punto percentuale CoopVoce che passa dal 10.1% del trimestre precedente  al 9.2%.

Tiscali Mobile sostituisce ERG Mobile (lo scorso trimestre era al 2% di quota di mercato) in quinta posizione con il 3.1%. Alla voce “Altri MVNO” (dove troviamo ERG Mobile, Noitel Mobile, DIGI Mobil, 1Mobile ecc.) la quota di mercato scende all’8.2% (contro il 9.4% del trimestre precedente).

Calo dovuto principalmente all’assenza di Kena Mobile ** (e lo “scambio” tra ERG Mobile e Tiscali Mobile in quinta posizione), i cuoi dati (su richiesta dei diretti interessati) non sono stati inseriti nei report dedicati ai MVNO, ma nel dato complessivo di TIM, sul pessimo esempio di quanto succede anche in Spagna con i report dell’Autorità delle telecomunicazioni, fornendo così un quadro falsato su queste realtà (e c’è da aspettarsi che con ho. Mobile di Vodafone accadrà la stessa cosa nei prossimi mesi).

Portabilità del numero. Con riferimento agli ultimi dodici mesi, il saldo tra operazioni «recipient» e «donating» risulta negativo per Wind Tre (-957mila unità) e Vodafone (-116mila unità), mentre registra un segno positivo per TIM (+486mila unità) e per gli MVNO (+587mila unità)

Al 31 marzo 2018, le linee complessive degli operatori mobili virtuali erano 8.249.200, mentre le SIM “Human” erano 8.089.800 *, così suddivise:

  • PosteMobile: 3.826.475
  • Fastweb Mobile: 1.585.600
  • Lycamobile: 1.019.314
  • CoopVoce: 744.261
  • Tiscali Mobile: 250.783
  • Altri (tra cui ERG Mobile, Noitel Mobile, DIGI Mobil, 1Mobile e gli altri MVNO/ESP): 663.363

* Numero SIM “Human” (escluse M2M) dei MVNO calcolate su dati AGCOM del I Trimestre 2018, aggiornati al 31 marzo 2018 (9.7% di quota di mercato su 83.4 milioni di SIM “Human” totali). “Human” sono le SIM che effettuano traffico «solo voce» o «voce e dati», incluse le SIM solo dati con interazione umana (es: chiavette per PC, SIM per tablet ecc.).

** I dati di TIM includono Kena Mobile (e non sono quindi inseriti insieme a quelli degli altri MVNO).


Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti alle oltre 1.800 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche di nuove pubblicazioni in tempo reale con il nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici su Facebook Twitter e Google+

44 Risposte

  1. @LOGOSdiGM ha detto:

    ammazza oh!
    ve siete scannati a colpi di tastiera… :-XD

  2. Dotting ha detto:

    Questa mezza falsa storia che all’estero si paghi di più deve terminare. Sono personalmente stato in Romania Ungheria Repubblica ceca ed Estonia. Adsl a cifre quasi ridicole (trovatemi chi in italia chi fa meno di 10 euro, molto meno) con un servizio IMPECCABILE banda da sogno.. Voi direte ma qui parliamo del mobile.. beh Vodafone tim e wind sbaglio o qui offrono entrambi i servizi? Le apparenti tariffe più basse ( inutile dire che all’estero offrono 20 30 gb da anni se non udite udite abbonamenti flat a giga illimitati !) vengono bilanciate con le tariffe fisse esagerate.. con servizio.. lasciamo stare.. velo pietoso. Poi per alcuni commentatori prima si lamentano di clienti analfabeti e poi si lamentano che chiuderebbero negozi.. beh insomma, è un controsenso no? I negozi servono proprio per loro.. quindi ben vengano questi operatori a costi bassi (che poi i margini stanno sicuro, mica fanno beneficienza) così gli utenti più evoluti e capaci indipendenti sanno dove rivolgersi. Alla fine il mercato deve offrire più opportunità, ognuno valuta sulle proprie esigenze.

    • eddo ha detto:

      Beh hai internet hai solo da girarti i siti web ed informarti un po’.

      Basta poco per evitare di scrivere sciocchezze in pubblico.

      Peraltro anche prendendo ad esempio paesi molto meno sviluppati dell’italia (come furbescamente hai fatto) magari tenere conto del costo della vita non sarebbe male.

      Peseranno di più 10 euro per uno che ne guadagna 300 euro al mese o 20 per uno che ne guadagna 1200 o 1600?

      Quanto agli abbonamenti “flat”…

      Primo flat non vuol dire quello che pensi, con flat ci si riferisce a tariffe a consumo che non variano a seconda della giornata, dell’ora o dell’operatore di destinazione.
      Quello che tu definisci flat, è un pacchetto con bundle illimitato, in Italia esistono praticamente da sempre.

      La differenza è che all’italiota medio il concetto di fair use non entrerà mai in testa, mentre all’estero è quasi sempre ben chiaro, con le conseguenze del caso

  3. Sandro ha detto:

    I dati li tengono nascosti appunto perché sono strategie di mercato, consigliate dai loro analisti, sicuramente ma non metto una mano sul fuoco, lo fanno perché il brand principale sta andando male. Iliad sta dando belle mazzate, la storia ci insegna in tutti i campi che alla fine tutti e tutto raccogliamo ciò che abbiamo fatto, le telco raccogliono le loro rimodulazioni, costi nascosti, balzelli per ascoltare quanto credito si ha sulla propria linea, il servizio chi ha chiamato. Pertanto di nuovo dico, benvenuta Iliad che ci hai salvato. Premetto non sono cliente Iliad, ma ha fatto abbassare le penne agli altri, e mi ha dato l’opportunità che possa scegliere l’operatore che mi fa l’offerta migliore in base alle mie esigenze.

    • eddo ha detto:

      Guard, menomale proprio che Iliad ci “ha salvati”.

      Avevamo già delle tariffe che all’estero non si sognano neanche di notte.

      E queste tariffe le avevamo già avute al prezzo della perdita di decine di migliai di posti di lavoro, di CC spostati in albania, romania e via discorrendo.

      Adesso le abbassiamo ancora di uno o 2 caffe, e lo facciamo cancellando il lavoro di dealer, rappresentanti ed indotto vario prendendo i ns soldi e mandandoli dritti nelle tasche di un francese, senza averne ricadute utili sul territorio italiano.

      Chiediti un po’ la disoccupazione creata, e l’impoverimento dello stato chi lo andrà a pagare?

      Lo pagherai TU. Lo pagherò IO, attraverso tasse più alte e stipendi più bassi, e minoiri servizi.

      Avrai risparmiato 1/2 euro al mese (e ne andrai orgoglione) e poi pagherai 10 o 100 volte tanto in più di tasse.

      Ma non ci sarà problema (te la prenderai col Renzi di turno e coi politici ladri), vero?

      • dobale ha detto:

        Mercato unico europeo, legge di mercato, mai sentito questi termini?
        Entra in politica, impegnati per il tuo Paese. :)

        • eddo ha detto:

          Vedo con, che non hai capito una fava di quello che ho scritto.

          Non che avessi dubbi, ma sai com’è…

          Anche gli orologi rotti due volte al giorno segnano l’ora esatta, a te non riesce neanche quello.

          Cosa caspio c’entra il mercato europeo col sopprimere migliaia di posti di lavoro?

          Ci hai fatto caso che nessun MNO in italia è Italiano WindTre non è manco europea, eppure anchèssa consente a migliaia di famiglie di mettere assieme il pranzo con la cena.

          Iliad darà da mangiare ai SIMbox e a 4 schiavi da call center, il resto finirà nelle tasche di Niel Xavier.

          Politica? No grazie, preferisco provare a far riflettere la gente.

          Nel 2004 è bastato un mio messaggio pubblico per far togliere l’iva sulle donazioni via sms, consentendo alle popolazioni colpite dallo tzunami di ricevere OTTO milioni di euro in più.

          In tanti anni di telefonia mobile nessuno ci aveva pensato che era una carognata far pagare l’iva sulle donazioni.

          • dobale ha detto:

            Eh…si… purtroppo ci sono tante ingiustizie e carognate a ‘sto mondo.
            Pensa…ci fanno pagare l’iva al 22% sulla carta igienica; 60M di italiani -> 60M di CC “belli o brutti”, al 4 o 10% su generi di lusso voluttuari, che usano in pochi facoltosi.
            La telefonia come la carta igienica è un bene di prima necessità.
            La politica è un impegno, una responsabilità e anche un dovere per chi ne ha le capacità.
            La tua è una missione; ….e buttati in politica, cosa ci vuole! Contrasterai meglio Xavierone Bonaparte alla conquista dell’Europa.

            PS: una curiosità, su quali riviste provi a far “riflettere la gente”? eheheh :)

            • eddo ha detto:

              Perché si dovrebbe contrastare Iliad per vie politiche? (anche se i francesi lo fanno di continuo).

              E’ il popolino Italico che deve capire che i problemi qua non li si risolve esaltandosi appresso ai pifferai magici di turno, non importa il settore.

              Non ha portato bene al paese fare le pecore appresso a mussolini, ne appresso a craxi, ne appresso al berlusca, non porterà bene stare appresso a fascisti e dilettanti appena arrivati.

              Allo stesso modo non ha portato bene agli esaltati di Wind o di Tre, e non porterà bene neanche Iliad.

              E la carta igienica la paghi cara grazie alle scelte di qualche pifferaio di cui sopra che ci ha indebitato fino al collo, e purtroppo i debiti non li si cancella cambiando pifferaio alle elezioni.

              Tornando a Iliad piantatela di pensare che si tratti di una onlus. E’ una azienda che sta li per far soldi. Se i suoi servizi costano poco è solo perché valgono poco.

              Il giorno che avessero lo stesso servizio di tim e vodafone da offrire, lo venderebbero allo stesso prezzo di tim e vodafone, se non lo facessero sarebbero semplicemente stupidi.

              E non lo sono.

      • Sandro ha detto:

        Meno male che ci sei te!

      • save81 ha detto:

        Personalmente ritengo che l’arrivo di iliad ha il merito di aver quantomeno dato una scossa ai MNO italiani, soprattutto per quel che riguarda l’aspetto della trasparenza…troppi costi aggiuntivi da parte degli altri MNO, e sovente nascosti o cmq non sempre ben visibili, per non parlare delle furbate varie, tanto varrebbe un canone tutto compreso e TRASPARENTE ad un prezzo maggiore! E qui arrivo al punto: sul fronte costi mi sento di darti ragione, in Italia sono tra i più bassi d’ Europa, se non i più bassi, e puntando solo sul discorso dell’ offerta migliore al minor prezzo il sistema rischia persino di collassare…basterebbe vedere, a titolo di esempio, i prezzi delle offerte dei vari MNO e anche MVNO svizzeri per rendersi conto che la cosa a lungo andare rischia di essere insostenibile, soprattutto per la garanzia di qualità del servizio…io ho una sim Coopvoce con la chiama tutti full, minuti illimitati 200 sms e 8 gb a 10 euro al mese, senza però altri costi aggiuntivi e/o nascosti, potranno sembrare tanti, ma il fatto che nei call center lavorino solo italiani e, per mia personale esperienza, sufficientemente preparati e disponibili, mi fanno propendere per continuare ad avvalermi dei loro servizi, invece che cercare offerte a prezzo stracciato con quantità enormi di gb che personalmente nemmeno utilizzo, salvo poi i suddetti MNO ricorrere ai call center esteri i cui operatori a volte manco capiscono cosa gli stai dicendo…ovviamente, essendo CoopVoce un MVNO, un operatore tradizionale dovrebbe chiedere un esborso maggiore, ma resto convinto che questa sarebbe la via migliore da percorrere per i motivi sopra elencati…e invece…’NAMMERDA!

        • eddo ha detto:

          OK.

          Sostanzialmente d’accordo.

          Però con sta storia della trasparenza un po’ si sta esagerando e generalizzando.

          Ora è vero che Tim non ha mai perso l’abitudine di compiere di veri e propri furti, premeditati.

          Mi è successo personalmente di ricevere un SMS che mi offriva 100 SMS gratuiti, ed ottenere 1000 (inutili) MMS a pagamento in cambio.

          Anche Tre non ha mai scherzato, più per disorganizzazione e pressapochismo che per dolo, IMHO.

          Ma con OmnitelVodafone e Wind, non ho mai visto un solo caso del genere dal 96 ad oggi.

          Se vodafone regala un mese gratis di qualcosa, e se l’utente non si cura di disattivarlo, prima che diventi a pagamento, è l’utente che è un analfabeta funzionale, non è Vodafone che è cattiva.

          Si può avere tutta la trasparenza del mondo, ma se non si è capaci a leggere…

          Fare di tutta l’erba un fascio è sempre stato il peggiore dei modi per approcciarsi ai problemi.

          Tornando a Coop, verissimo quello che dici, ma personalmente sarei felice di dare 10 euro a Coop piuttosto che 5 a kena/tre/wind o 7 a vodafone/ho (ho persino un familiare che ci lavora in Coop).

          Ma lo farei a parità di condizioni.

          Al momento ciò che mi serve coop non me lo da neanche al doppio del prezzo!!!

          Al momento sto spendendo 10 euro totali per avere 60 GB che mi consentono di telefonare, mandare SMS ed avere tutti i PC di casa connessi H24

          Se dovessi scegliere Coop, di euro ne spenderei 40 almeno tra SIM coop e ADSL, senza avere ne la stessa flessibilità, ne la stessa qualità, ne le stesse prestazioni.

          C’è un limite a quello che il singolo può fare in nome dei principi. Ma il 400% di spesa in più lo passa abbondantemente.

        • dobale ha detto:

          Da oggi nuovi spot iliad……..ehm…….anche vodafone. eheheh :)

          • eddo ha detto:

            Niente, non riesci ad esprimere un concetto di senso compiuto (non parliamo di sensato) neanche per sbaglio.

            Ma le scuole elementari le hanno proprio soppresse o avevi altro da fare?

            • dobale ha detto:

              Ti ammiro! La tua “fede” è inattaccabile.
              Se però, per una volta, non mi posti la risposta, mica mi offendo! Hai già il tuo daffare col rispondere a tutti gli altri. eheheh :)

              • eddo ha detto:

                Risposta de che?

                Posta qualche argomento, qualche fatto (anche presunto), e vedi che tr lo rivolto come un calzino.

                Finché scrivi sciocchezze da adepto cieco di una setta, ricevere in cambio una battuta e il massimo che tu possa ottenere da un interlocutore educato.

                • dobale ha detto:

                  eheheh…, mi hai rubato le parole di bocca, …ops… dalla tastiera. Sono ateo, la “grazia” della “fede” è tua, unicamente tua…..eheheh :)

  4. Luca82 ha detto:

    L’agcom che dovrebbe essere li per tutelare la correttezza delle compagnie telefoniche poi consente un porcata del genere??? Non lo trovo giusto ormai sono poco credibili pure loro. Sono davvero schifato. Anche perché kena non è tim e da quel che so, ma correggetemi se sbaglio, si occupa in tutto e per tutto delle proprie sim. Quindi non vedo perché se va bene non gliene si debba dare il merito e se tim va male lo si debba nascondere. Siamo alla censura. Ma ddddaaaaaiiiiiii!!!!!

    • eddo ha detto:

      Hahahah, schifato, addirittura!!!

      Al confronto, l’assassinio di Kennedy o la strage di Ustica, fanno ridere.

      Fattene una ragione Kena è Tim. Al mondo, che ti piaccia o meno, conta chi ci mette i soldi, non un numerino nel seriale della SIM.

      Numerino che è diverso solo perché Tim (a differenza di vodafone) si è comprata la pappa già pronta.

      Peraltro, ti faccio notare che il numero di clienti di Noverca (quando era indipendente da Tim) è stato tenuto ben nascosto x anni e ti garantisco, che nonostante tutto, ci si telefonava e navigava benissimo.

  5. Tizzy ha detto:

    Qualcuno glielo deve dire che dovrebbe essere neutrale e dare i dati come sono! Noverca è una controllata (non Tim) AGCOM! VOGLIAMO TUTTI I DATI! NON CENSURARE!

    • eddo ha detto:

      Gomblotti in ogni dove!!!

      Mi spieghi cosa cambierebbe alla tua vita sapere se Kena (non noverca) ha 10 o 1000000 clienti?

      Da utenti dovreste preoccuparvi di quanto spendete al mese e se la qualità di ciò che ottenete in cambio valga soldi spesi.

      • dobale ha detto:

        Azionista Telecom Italia? :)

        • eddo ha detto:

          Da stipendiato vodafone sono improvvisamente passato ad azionista telecom italia?

          Di questo passo domani mi nomini AD di WindTre?…

          Come si suol dire… poche idee ma confuse… :D

          P.S. Se tu fossi già nato quando esisteva solo telecom, sapresti che chiunque ci abbia avuto a che fare, preferirebbe pulire i cessi in Iliad che avere a che fare con telecom italia a qualsiasi livello.

          • dobale ha detto:

            Te la ricordi la cabina telefonica gialla SIP con gettoni da 50 -100-200 lire, no? Il post era per Tizzy, indirettamente per te. :)

            • eddo ha detto:

              Vedo che ti sei fatto un giro su animamia.

              Lo voglio sperare. Dalle sciocchezze che scrivi puoi essere solo un ragazzino, se non lo sei e le scrivi comunque…

              • dobale ha detto:

                Il “paraocchi”, mio nonno, lo metteva al cavallo, per tirare il carretto. Alle persone non serve, o ….? ehehe :)

      • Tizzy ha detto:

        Mi scusi tecnico vodafone, volevo scrivere “L’ex” prima di noverca ;-)
        Attualmente spendo 0€ al mese!
        Ma a te cambia la vita sapere che chiamo e navigo gratis?

        • eddo ha detto:

          Anche se non so che ci azzecchi con le statistiche dell;AGCOM, si qualcosina mi cambia, visto che di norma i complottisti da tastiera il risparmio ce lo hanno solo nella loro testolina.

          Per quel che mi riguarda il sano sport della comunicazione a costo zero l’ho praticato (con omnitel e poi vodafone) dal 98 al 2015, il divertimento nel vedere le facce degli arancioni valeva anche di più dei soldi risparmiati, ma purtroppo in questo momento mi debbo accontentare di spendere pochissimo, non zero.

  6. Antonio ha detto:

    Infatti sono sì dello stesso gruppo societario ma vendute come due cose diverse e così andrebbero riportate.

  7. Sandro ha detto:

    Sicuramente sommano i dati per non far vedere che i loro virtuali stanno facendo meglio di loro, che stanno perdendo clienti. Appunto cercano di mischiare le carte per non dover far autocritica sulle loro scelte che penalizzano sempre i loro clienti, scambiandoli per vacche da mungere.Te dobale, scrivi a mezzanotte, il tecnico sta dormendo ora, ma siamo fiduciosi :-)

    • eddo ha detto:

      Dormendo? O_o

      Come si può dormire senza sapere se i clienti kena sono 300.000 o 400.000? Hahahahaha…

      A proposito che lavoro fai tu? Hai un curriculum “lungo” quanto quelli di Salvini e Di Maio, o ti è capitato o in vita tua oltre che scrivere sciocchezze sui blog ti è anche capitato di fare qualcosa di utile?

      • dobale ha detto:

        Pausa pranzo? O forse, in questo periodo, sei un “tecnico” da spiaggia, sotto l’ombrellone? Ad un mese dal lancio a che cifre siamo con ho.? Numeri di vendita a livello della “mitica” Prinz NSU in Italia o a livello VW Golf GTD? Eheheh :)

        • eddo ha detto:

          Diciamo che per avere diritto a fare questa domanda dovresti essere capace di distinguerla una Golf da una Prinz, invece sei l’esempio perfetto di chi sostiene che non c’è nessuna differenza.

          • dobale ha detto:

            eheheh Vodafone rimodula…. ops…..rincara…..ops ….si ADEGUA AL MERCATO! Le parole hanno un peso, sia ben chiaro. eheheh
            PS: Prinz 4 verde pisello, un mitooo! :)

            • eddo ha detto:

              Invece la Golf costa come nel 1974, vero?

              Se vodafone ha sbagliato qualcosa è nel pensare che vendere a gente come che non capisce una fava un servizio tra i migliori al mondo al prezzo delle patate.

              Al posto di ringraziare, i complottisti come te, si lamentano pure.

              Mettano le tariffe al doppio o al triplo dei concorrenti.

              Chi capisce la differenza rimarrà cliente, gli altri si arrangino con gli operatori di serie B, C e D, la scelta non manca.

              Meglio avere il 15% del mercato, se fatto di gente che capisce (e paga), che avere il 40% di gente che non paga e frigna in continuazione.

              • dobale ha detto:

                La golf GTD è del 1982, la prima con motore turbodiesel. In quell’anno, eri già nato? Ti sei visto i mondiali di Spagna in TV o avevi qualcos’altro di meglio da fare? eheheh :)

                • eddo ha detto:

                  Mi ero perso il GTD.

                  Dovevo arrivarci da solo che uno come te l’auto a benzina non la concepisce.

                  • dobale ha detto:

                    Ti sei perso qualcos’altro?

                    Dacia sandero GPL, no? Troppo da “sfigati” per i tuoi canoni? eheheh :)

                    • eddo ha detto:

                      Beh, diciamo che il classico dimmi che operatore telefonico usi e ti dirò chi sei, non sbaglia un colpo :D

                    • dobale ha detto:

                      Non avevo dubbi! Solo top di gamma di Merzedes, Be eM We …..eheh eh :)

  8. dobale ha detto:

    Tim con kena ed in futuro, quasi certo, Vodafone con ho. tengono i dati aggregati, per falsare il quadro. A che pro? Forse il “tecnico” ci darà qualche ragguaglio in merito.Basta aspettare. eheheh :)

Commenta o Rispondi ad un commento..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: