Anche in India debutta il primo MVNO con tariffe super low cost


L’India apre finalmente al mercato dei MVNO (Mobile Virtual Network Operator) e potrebbe vedere a breve una vera e propria “invasione”.

Sono infatti ben 70 le società che hanno ricevuto nel 2015 licenza per operare come MVNO e ieri la prima ha debuttato sul mercato.

Aerovoyce

La società di telecomunicazioni – fisso e mobile – di proprietà dello stato indiano BSNL (Bharat Sanchar Nigam Limited), ha lanciato il primo servizio MVNO (Mobile Virtual Network Operator) in India insieme ad Aerovoyce (di proprietà di AdPay Mobile Payment India) e la multinazionale Plintron.

Il nuovo MVNO indiano punterà al mercato delle tariffe low cost nelle sole zone rurali del paese.

Un “super” low cost: in promozione con sole 49 rupie (circa 60 centesimi di euro) permette di effettuare chiamate illimitate verso tutti gli operatori e di usufruire fino a 2 GB di traffico internet ogni giorno (l’offerta fuori promozione avrà un costo di 79 rupie, circa 90 centesimi di euro).

Il presidente di BSNL, Anupam Shrivastava, ha dichiarato in una nota: “Dopo il crollo del mercato nel 2016, abbiamo iniziato a guardare ad altri settori e quello dei MVNO è una di quelle aree…”.

BSNL agisce in qualità di MVNE (Mobile Virtual Network Enabler), un business fondamentale della strategia aziendale per superare le perturbazioni del mercato causate dalla guerra dei prezzi degli ultimissimi anni.

L’azienda spera di generare circa 10 miliardi di rupie ogni anno dal segmento MVNO, che è stato rinvigorito grazie ai recenti cambiamenti normativi da parte del Dipartimento delle Telecomunicazioni che ha introdotto condizioni di licenza più favorevoli.


Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti alle oltre 1.810 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche di nuove pubblicazioni in tempo reale con il nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici su Facebook Twitter e Google+