Ufficiale: anche Noitel Mobile avrà il 4G! Lancio entro novembre, come opzione

Nella lista degli operatori mobili virtuali che offriranno ai propri clienti l’accesso alla rete 4G, dopo il recente annuncio di 1Mobile e quello di Kena Mobile, si aggiungerà presto anche Noitel Mobile (ESP MVNO su rete TIM e appartenente al gruppo Clouditalia).

Noitel Mobile 4GPer il momento, sul sito web ufficiale dell’operatore c’è solo un vago accenno nella sezione dedicata alla copertura di rete, dove è presente la dicitura “il 4G sarà previsto da novembre 2018”.

Dalle informazioni che abbiamo potuto ottenere nelle ultime ore, il lancio è previsto per novembre 2018, ma l’azienda sta lavorando per poterlo anticipare, quindi la piacevole sorpresa per tutti i clienti Noitel Mobile potrebbe arrivare anche prima.

In assoluta anteprima, possiamo anticiparvi che il 4G sarà disponibile come “opzione”, quindi non sarà un passaggio automatico, come avverrà invece per alcuni competitor nelle prossime settimane, ma coinvolgerà solo gli utenti interessati.

Inoltre, sono in preparazione nuove promozioni e pacchetti tariffari che prevederanno l’accesso diretto alla rete 4G. Una volta abilitata, sia i nuovi clienti che gli attuali, potranno decidere se sfruttare o meno questa possibilità.

Non mancheremo di aggiornarvi sulle prossime novità che riguarderanno Noitel Mobile.


Segui MVNO News anche su Google Newsclicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti al nostro canale Telegram e alla community su Facebook Twitter. MVNO News è inoltre una comoda Web App gratuita, scaricala subito!

Community MVNOUnisciti alla Community sui MVNO, i nuovi gruppi di discussione dedicati ai principali operatori mobili virtuali.

12 Risposte

  1. eddo ha detto:

    @LOGOSmobile

    4G ed LTE non sono la stessa cosa, come non lo sono 2G e GSM o 3G ed UMTS.

    Poi che produttori ed operatori non si curino di togliere dall’ignoranza il popolino, mischiando i termini è un altro paio di maniche.

    1/2/3/4/5 G è la generazione (e di riflesso l’ordine di prestazioni e di servizi offerti)

    GSM, CDMA, UMTS e via discorrendo sono il mezzo con cui, IN UNA DETERMINATA REGIONE, sono state implementate le generazioni.

    A sua volta c’è confusione anche su questo “mezzo”.

    CDMA, usato da due op su 4 in America è sia il nome commerciale, sia il nome dello standard 2G che il nome della tecnologia

    GSM è il nome dello standard usato in europa e in gran parte del mondo e ai tempi della sua introduzione basato sulla tecnologia F/TDMA.

    Morale dire CDMA = 2G è corretto anche se incompleto

    GSM = 2G è sbagliato: i telefoni LTE / 4G continuano ad essere telefoni GSM e lo saranno anche i venturi 5G.

    • Stefano ha detto:

      Alla luce di ciò, perdona la mia ignoranza, ma con l’abilitazione del 4G ne beneficia solo la velocità e la stabilità della connessione internet, o anche la copertura telefonica, per chi abilitasse tale opzione?

      • @LOGOSdiGM ha detto:

        lato fonia immagino tu ti riferisca alla tecnologia VoLTE ovvero poter effettuare una chiamata voce sempre su rete 4G mantenendo attiva ed operativa la sessione dati precedentemente o successivamente instaurata (eventi congiunti) con tecnologia LTE o LTEadvance o LTE+.

        il dispositivo deve essere compatibile e il gestore deve poter fornire il servizio.

        HDvoice ad esempio non è la stessa cosa, tecnologia precursiva.

        la rete di trasporto logicamente deve essere buona anche in termini di frequenze e relativi apparati e rispettiva ubicazione rispetto alla collocazione del terminale che intende avvalersene.

        di conseguenza velocità, stabilità, qualità, saranno elementi per determinare le prestazioni.

        • Stefano ha detto:

          Grazie mille,
          di conseguenza, basta il 4G (che in questo caso sarebbe l’LTE) per abilitare il VoLTE e quindi avere più opportunità di avere una buona copertura?

          • @LOGOSdiGM ha detto:

            ad onor del vero la locuzione “basta avere..” non credo sia oppropriata proprio perchè sono molteplici i fattori che possono decretare un buon servizio così come pessimo.

            Se hai voglia e tempo esegui dei test ora nella tua zona, e poi Commenta il Post della Redazione con i relativi esiti QUI:

            https://www.mvnonews.com/speedtest/

            Se ti è possibile esegui #nPerf anche da Applicazione per Android, registrati (convalidata la mail e poi autenticati) e configura tutto per bene, oltre a condividere il link risultato consiglio anche di descrivere per bene la situazione in cui sono stati effettuati.
            Tale procedura aggiornerà sulla zona i dati di effettiva percezione grazie alle rilevazioni trasmesse, in questo modo osservando la mappa con una analisi cartografica vi sarà modo di farsi una idea vagamente simile al vero del livello servizi in base alla presenza segnale.

      • eddo ha detto:

        Beneficia la copertura sul servizio dati.

        Beneficia anche la voce per i gestori che supportano il VoLTE, ovvero Vodafone e Tim (usando un telefono compatibile ed abilitando il servizio).

        Tutti gli altri continuano a veicolare la voce in maniera tradizionale, che non c’è nella versione approvata dello standard LTE (produttori ed operatori si sono scannati a lungo sulla faccenda), ergo se hai wind3 o un virtuale qualunque (kena ed ho inclusi) avrai un servizio equivalente al 2/3G sulla voce

  2. dobale ha detto:

    Passaggio “obbligato” per tutti i restanti mvno. Si avvicina il 5G, dopo del 4G+ e 4,5G…….il mondo corre……. e allora non ci resta che correre……chi si ferma è perduto…… eheheh :)

    • @LOGOSmobile ha detto:

      4G oppure LTE sono la stessa cosa, o meglio tipo di rete e tecnologia utilizzata;
      e allo stesso modo anche
      4G+ oppure 4Gplus oppure 4,5G oppure 4,5G+ oppure 4,5Gplus oppure LTEadvance oppure LTE+ oppure LTEplus definiscono la stessa situazione di aggancio alla rete mobile.

      • dobale ha detto:

        Vedo che in materia sei “afferrato”…..il concetto era, che dopo il 4G e suoi fratelli, ormai è tempo del 5G………ops, ma 4G Basic che mi sta a significare? ‘Sto Basic mi ricorda una certa attrice americana…….mah forse ricordo male…. eheheh

        • @LOGOSdiGM ha detto:

          per 4Gbasic, che immagino avrai notato in HoMobile ad esempio, è intesa una politica di restrizione e volontaria limitazione delle prestazioni tecnologicamente disponibili.

          sarà come effettuare scambio dati in HSDPA+/HSUPA- nelle migliori delle condizioni possibili o se proprio su un LTE scarso.

          • dobale ha detto:

            Quindi dietro il termine “Basic”, creato dal marketing, si nasconde una limitazione ( più o meno grande) delle prestazioni decisa a “tavolino” dall’operatore telefonico……La mia era una domanda retorica……..non c’è Sharon Stone, non c’è la tecnologia, bensi il “genio” e la “furbizia” del marketing di un dato operatore……… eheheh :)

Commenta o Rispondi ad un commento..