AGCOM: al 30 giugno 2018 MVNO in crescita nonostante l’assenza di Kena Mobile e ho. (conteggiati nel totale linee TIM e Vodafone)


Ancora sopra quota 100 milioni (101.400.000 per la precisione) le linee mobili attive in Italia al 30 giugno 2018 (qui i dati del trimestre precedente), secondo quanto riferisce oggi l’AGCOM nel suo report trimestrale sulle telecomunicazioni.

Le SIM M2M (Machine to Machine) raggiungono i 18.5 milioni (erano 17.2 milioni a fine marzo 2018 e 14.4 milioni nello stesso periodo di un anno fa). Le SIM “Human” *, escluse le M2M, in calo a 82.9 milioni (-500.000 rispetto al trimestre precedente).

MVNO II trimestre 2018

Confronto dati SIM telefonia mobile giugno 2018 – giugno 2017

Secondo quanto riferisce AGCOM, le SIM che non hanno prodotto traffico voce e/o dati nei 90 giorni precedenti la data di rilevazione (fine giugno 2018) sono stimabili in circa il 15% della customer base complessiva.

Con riferimento alle SIM complessive, su base annua si registra il «sorpasso» di TIM (31.2%) su Wind Tre (30.4%), mentre nel segmento SIM “human” Wind Tre rimane il principale operatore mobile italiano con il 34.5% contro il 28.7% di TIM.

Linee operatori mobili virtuali

Gli operatori mobili virtuali (MVNO) al 30 giugno 2018 sono cresciuti all’8.3% di quota di mercato per numero SIM complessive (erano all’8.2% a fine marzo 2018).

Per quanto riguarda invece il totale SIM “Human”(ovvero escluse le M2M, ma incluse le SIM che effettuano traffico «solo voce» o «voce e dati», incluse le SIM solo dati con interazione umana come ad es: chiavette per PC, SIM per tablet), i MVNO hanno raggiunto il 10.2% di quota di mercato (anche qui in crescita rispetto al trimestre precedente).

PosteMobile si conferma leader tra gli operatori mobili virtuali ma continua la sua parabola discendente, attestandosi al 46.9% (a marzo 2018 era a quota 47.3%).

Continua la crescita di Fastweb Mobile che passa al 20% (era al 19.6% di quota di mercato nel trimestre precedente) e cresce del 2.7% rispetto ad un anno fa.

Al terzo posto ancora Lycamobile, in crescita al 12.8%, contro il 12.6% di fine marzo. In leggero calo CoopVoce che passa dal 9.2% del trimestre precedente al 9%.

Tiscali Mobile risulta in calo dal 3.1% del trimestre precedente al 2.8% di fine giugno. Alla voce “Altri MVNO” (dove troviamo ERG Mobile, Noitel Mobile, DIGI Mobil, 1Mobile ecc.) la quota di mercato sale all’8.5% (contro l’8.2% del trimestre precedente).

Si tratta di un ottimo trimestre per i MVNO, se si tiene conto della scelta insensata dell’AGCOM di non conteggiare in questa categoria Kena Mobile (che a giugno contava oltre mezzo milione di clienti), così come quelli di ho. Mobile (che nel prossimo report farà sentire il suo peso, o meglio la sua assenza, con un altro mezzo milione di linee circa non conteggiate tra i MVNO).

In questi casi infatti, il numero di linee viene incluso in quelle di TIM (nel caso di Kena) e di Vodafone (nel caso di ho.), dando una visione distorta del reale andamento del segmento dei MVNO.

Portabilità del numero. Con riferimento agli ultimi dodici mesi, il saldo tra operazioni «recipient» e «donating» risulta negativo per Wind Tre (-993mila unità) e Vodafone (-243mila unità), mentre registra un segno positivo per TIM (+145mila unità) e numeri importanti per gli MVNO (+725mila unità).

Numero linee dei principali MVNO

Al 30 giugno 2018, le linee complessive degli operatori mobili virtuali erano 8.416.200 (8.3% di 101.400.000), mentre le SIM “Human” erano 8.455.800 (10.2% di 82.900.000) *, così suddivise:

  • PosteMobile: 3.965.770
  • Fastweb Mobile: 1.691.160
  • Lycamobile: 1.082.342
  • CoopVoce: 761.022
  • Tiscali Mobile: 236.762
  • Altri (tra cui DIGI Mobil, 1Mobile, Noitel Mobile e altri MVNO/ESP): 718.743

In questo report non sono stati inseriti i dati di iliad, il nuovo operatore mobile che ha debuttato sul mercato italiano a fine maggio 2018, assenza che AGCOM giustifica così:

in considerazione della vicinanza temporale tra la data di rilevazione e quella di inizio attività dell’operatore, è stato ritenuto opportuno fornire dettagli sui volumi dell’operatore a partire dall’edizione n. 4/2018 dell’osservatorio, con dati riferiti a settembre 2018.


* Numero SIM “Human” (escluse M2M) dei MVNO calcolate su dati AGCOM del II Trimestre 2018, aggiornati al 30 giugno 2018 (10.2% di quota di mercato su 82.9 milioni di SIM “Human” totali). “Human” sono le SIM che effettuano traffico «solo voce» o «voce e dati», incluse le SIM solo dati con interazione umana (es: chiavette per PC, SIM per tablet ecc.).

** I dati di TIM includono Kena Mobile così come quelli Vodafone i dati di ho. Mobile (non sono quindi inseriti insieme a quelli degli altri MVNO).


Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti alle oltre 2.400 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche di nuove pubblicazioni in tempo reale con il nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici su Facebook Twitter e Google+

5 Risposte

  1. Fabio ha detto:

    Sono curioso di vedere se l’offerta interessante proposta da CoopVoce questa estate gli ha portato clienti o meno. Comunque contento per molti MVNO, realtà in alcuni casi interessanti e vedere che al momento non vanno poi così male, nonostante non vengano conteggiate le linee di Kena e ho. è un buon segnale. Vedremo nel prossimo trimestre se iliad avrà danneggiato qualcuno.

    • Patrick ha detto:

      Bene Coopvoce è dal 2007 che opera quindi esattamente 11 anni..E funziona benissimo! Vediamo se Iliad con la rete che si ritrova ip francese camuffato se resistera’ tutti questi anni! Come si dice non ci si improvvisa a fare l’operatore mobile offrondo solo buone offerte… E tutto il resto?! Ma poi quale danneggiamento forse all’inizio…. Ma gli altri operatori abbasando le tariffe si stanno riprendendo i clienti perduti.. La musica ora per Iliad e cambiata in negativo!

      • lpelo2000 ha detto:

        Non credo proprio che siano degli sbarbati quelli di illiad visto che è dal 2012 che operano in Francia come operatori mobili e da inizi 2000 nel fisso. Poi possiamo discutere della qualità della rete in Italia

  2. Patrick ha detto:

    Non stata pubblicata e ti credo non sono attendibili… Del resto come la sua rete all’inizio sembrava miracolosa poi subito dopo si è scoperto che era in sharing roaming con Wind!!! Ciaone Iliad!!!

  3. dobale ha detto:

    Kena e ho. “cresciutelli”, rimangono in casa con i genitori…. dei “bamboccioni”….. eheheh :)

Commenta o Rispondi ad un commento..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: