MVNO Svizzeri: nel 2018 M-Budget Mobile ancora leader indiscusso


In un sondaggio effettuato dall’istituto di ricerche di mercato INNOFACT per conto del comparatore comparis.ch (su un campione rappresentativo di persone in tutte le regioni della Svizzera a novembre 2018) sono state calcolate le quote di mercato dei principali operatori mobili svizzeri, dai tre “big” ad alcuni MVNO.

 Il leader – Swisscom – ha perso una quota di mercato del 5% rispetto all’anno precedente e si attesta ora al 42%. Al secondo posto (22%) si posiziona Sunrise che però non beneficia del calo di Swisscom, perdendo a sua volta l’1% di quota di mercato.

Va un po’ meglio a Salt, il terzo operatore mobile svizzero, di proprietà dell’imprenditore Xavier Niel (fondatore di Free e iliad), che guadagna l’1% in un anno e si attesta ad una quota del 16%.

Swisscom ha tuttavia conquistato indirettamente clienti tramite due MVNO di proprietà: Wingo e Simply Mobile, con ognuno una quota di mercato dell’1%.

Quote di mercato operatori mobili svizzeri

Quote di mercato operatori mobili svizzeri | Sondaggio INNOFACT Novembre 2018

Tra gli operatori mobili virtuali, quello con la quota di mercato più alta rimane M-Budget Mobile di Migros (la principale catena di supermercati presente in Svizzera), che raggiunge l’8%,(+1% rispetto ad un anno fa).

Il diretto concorrente (Coop Mobile) scende invece da una quota di mercato del 2% all’1%. Anche Aldi Mobile (MVNO della nota catena di discount) si attesta all’1% di quota di mercato. I restanti MVNO insieme totalizzano l’8%.

Per quanto riguarda la scelta del prodotto, il prezzo riveste tuttora il ruolo più importante, con il 73% rispetto al 72% dell’anno precedente. Al secondo posto si colloca la buona copertura di rete. Rispetto al 2017 (61%), il dato del 69% rilevato quest’anno dimostra che questo criterio ha acquisito una notevole importanza.

Molto più in basso, al terzo posto, arriva il desiderio di usufruire del maggior volume possibile di dati (34%), in aumento rispetto al dato di un anno fa (30%).

Aumenta la quota dei giovani con un contratto di abbonamento: tra quell’82% di svizzeri che possiede già un contratto, la percentuale sale all’86% tra i giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni. Le persone più anziane (17%) utilizzano invece molto più un’offerta prepagata rispetto agli under 35 (11%).

Il sondaggio conferma un trend ormai noto tra i giovani e giovanissimi, ovvero quello di prediligere i grandi volumi di traffico dati e il calo vertiginoso dell’utilizzo del telefono per effettuare chiamate. Da qui la spiegazione del successo degli abbonamenti, che in Svizzera offrono notoriamente un maggior quantitativo di traffico dati, rispetto alle offerte prepagate.


Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti alle oltre 2.500 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche di nuove pubblicazioni in tempo reale con il nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici su Facebook Twitter e Google+

4 Risposte

  1. dobale ha detto:

    La Svizzera è un altro “mondo” rispetto a noi….
    Sarebbe interessante confrontare i “prezzi” offerte dei 3 MNO svizzeri con i relativi MNVO……. :)

    • Redazione ha detto:

      Esatto, si parla di tutt’altre cifre. Per fare un esempio, in ambito Prepaid (con uno dei MVNO più convenienti): 2 GB in 4G + minuti e SMS illimitati a 30 Franchi al mese (poco meno di 30 euro). Per noi cifre enormi, in Svizzera convenienti (tutto rapportato naturalmente al costo della vita e agli stipendi, anche questi ben diversi dai nostri).

      • save81 ha detto:

        per quanto riguarda le tariffe in ambito telefonia mobile, la Svizzera risulta essere uno dei paesi più cari d’Europa, se non il più caro…e li, a differenza che da noi, sono molto più diffusi gli abbonamenti rispetto alle prepagate…inoltre, con alcune prepagate come ad es. Lebara, si può effettuare portabilità verso altro operatore ma non in maniera “indiscriminata” come da noi…puoi una volta ogni tot tempo…qualità cmq elevata e niente furbate come da noi, trasparenza sicuramente maggiore…ripetitori credo più potenti dei nostri, basti pensare che c’è uno sforamento di segnale presso il faro Voltiano a Brunate, sopra Como, dove le reti italiane in quel punto latitano…peccato che la Svizzera non aderisce alla normativa RLAH…

Commenta o Rispondi ad un commento..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: