Plintron: da fine marzo apertura alle MNP. Parte la sfida a Noverca e Effortel


Con una anteprima esclusiva che vi abbiamo potuto dare solamente noi, lo scorso settembre avevamo annunciato lo sbarco in Italia di Plintron, il più grande MVNE/MVNA (Mobile Virtual Network Enabler/Aggregator) multinazionale, basato su cloud, con oltre 100 milioni di linee gestite a livello globale.

Plintron

Plintron è attualmente presente in 25 Paesi, Italia inclusa, dove ha ottenuto una licenza da Full MVNO dal Ministero dello Sviluppo Economico, con prefisso 376.0 (blocco da 1 milione di linee) già assegnato, così come il Mobile Network Code (54).

Va specificato che Plintron opera principalmente come enabler (MVNE), solo in alcuni paesi è anche presente direttamente come operatore mobile virtuale, cosa che non è detto però avvenga in Italia, dove al momento c’è la conferma solo per gli accordi già in essere con realtà come Noitel Mobile e Rabona Mobile, che presto migreranno sulla piattaforma cloud di Plintron per offrire i servizi di telefonia mobile (lasciando quella di Noverca/TIM).

Come abbiamo svelato lo scorso settembre, Plintron (o meglio la filiale italiana, Plintron Italy Srl) ha comunicato a tutti i gestori telefonici attivi in Italia, così come all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AGCOM), che la data prevista per l’apertura alla portabilità del numero (MNP) è quella dello scorso 18 marzo.

Da questa data sono iniziati anche i test di collaudo relativi alle portabilità tra gestori, motivo per cui nelle ultime settimane nei sistemi dedicati proprio alle MNP di diversi operatori mobili è comparsa la voce “Plintron“.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Plintron sfida Noverca e Effortel

Plintron ha già iniziato a fare concorrenza diretta non tanto agli altri operatori mobili virtuali, ma ai diversi MVNE/MVNA attivi sul mercato, come ad esempio Noverca (sulla cui infrastruttura si appoggia Kena Mobile, ma anche Noitel e Rabona, che presto passeranno proprio su Plintron) o Effortel (Enabler di 1Mobile/Taza Mobile e Daily Telecom), promettendo prezzi competitivi.

In pratica, a chi interessato a diventare un operatore mobile virtuale (anche per servizi legati all’IoT), Plintron offrirà le sue soluzioni altamente personalizzabili (e scalabili), con un nuovo modello di determinazione dei costi annunciato nella primavera del 2018 e basato sul numero di clienti attivi al giorno (0,006€ cliente/giorno) e sul numero di apparati IoT attivi al giorno (0,0006€ apparato/giorno).

La migrazione delle utenze Noitel Mobile e Rabona Mobile è prevista per questa primavera. Stando a quanto ci riferiscono fonti interne ad uno dei due operatori mobili citati, il passaggio è atteso orientativamente per il mese di maggio.

Su Plintron

La società ha sede a Singapore con uffici a Londra, Nuova Delhi, San Paolo e Seattle. Il Global Technology & Support Center, attivo 24 ore su 24, con oltre 1.000 dipendenti, è situato invece a Chennai, in India, da dove supporta tutte le operazioni globali.

In Europa è operativo in Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Macedonia, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Spagna, Svizzera, Svezia e Ucraina.


Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti alle oltre 2.580 persone che hanno scelto di ricevere le notifiche di nuove pubblicazioni in tempo reale con il nostro canale Telegram oppure scarica la nostra Web App o seguici su Facebook Twitter

Una risposta

  1. dobale ha detto:

    Spero entri direttamente nel mercato con un proprio MVNO…. non solo come enabler/aggregatore per altri virtuali…
    Avranno già analizzato la situazione del mercato italiano dei MVNO e preso la decisione….
    Forse solo con certe “condizioni” favorevoli sono entrati “direttamente” in qualche nazione dove operano….. :)

Commenta o Rispondi ad un commento..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: