PosteMobile: numero linee sale a 4.470.000. In crescita anche l’ARPU


Torna a crescere PosteMobile, l’operatore mobile virtuale di Poste Italiane che opera come Full MVNO su rete WINDTRE *. Dai risultati finanziari pubblicati oggi, emerge che il numero di linee (PosteMobile + PosteMobile Casa) è salito a 4.470.000, contro 4.416.000 del trimestre precedente.

Linee PosteMobile Marzo 2020

Continua a crescere anche l’ARPU, ovvero i ricavi medi per unità, che sale a 4,5 euro, contro i 4 euro del trimestre precedente e 3,7 euro dello stesso periodo di un anno fa.

LEGGI ANCHENumero linee e clienti dei MVNO Italiani

A livello di Gruppo, Poste Italiane chiude il primo trimestre con un utile in calo di quasi un terzo a 306 milioni di euro, rispetto ai 439 milioni del pari periodo dl 2019 (-28,6%) e un fatturato in riduzione del 3% sul primo trimestre 2019 a 2.755 milioni di euro.

I minori ricavi sono dovuti al lockdown e da costi one-off per far fronte all’emergenza, oltre che per la tutela della salute dei dipendenti e dei clienti.

I ricavi da servizi di pagamento e mobile sono aumentati su base annua del 16,5% a 165 milioni di euro, i ricavi da servizi di corrispondenza, pacchi e distribuzione in calo del 12,4% a 771 milioni di euro. In calo anche i ricavi da servizi finanziari (-1,4%) a 1,464 miliardi di euro, mentre cresce il business assicurativo (+5,1%) a 355 milioni di euro.

“Sebbene la performance del 2020 sia stata impattata dal lockdown, i recenti eventi – ha commentato l’amministratore delegato Matteo Del Fante – hanno accelerato trend emergenti chiave e confermato la direzione strategica del piano Deliver 2022. Poste Italiane ha affrontato la crisi con un profilo finanziario robusto, con uno stato patrimoniale solido e una forte capacità di generare liquidità grazie al nostro business redditizio”.

“Durante questa crisi – ha aggiunto – abbiamo continuato a supportare tutti i nostri stakeholder, rafforzando la nostra reputazione. Poste è un operatore di sistema; il nostro ruolo è diventato più importante e questo si tradurrà in un business più forte e sostenibile. Insieme, saremo all’altezza della sfida”.

Sempre in tema di Coronavirus, il Gruppo Poste Italiane ha specificato che l’attuale emergenza sanitaria influirà in maniera decisa sull’evoluzione del contesto economico e sociale dei prossimi mesi e ad oggi non è possibile delineare con precisione quella che sarà “la nuova normalità” ed effettuare realistiche previsioni sull’evoluzione economica e finanziaria del Gruppo nel corso del 2020.

* Ricordiamo che PosteMobile opera come Full MVNO su rete WINDTRE, mentre le SIM inserite nel telefono fisso per il servizio voce di PosteMobile Casa, sono su rete Vodafone.


Segui MVNO News anche su Google Newsclicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti al nostro canale Telegram e alla community su Facebook Twitter. MVNO News è inoltre una comoda Web App gratuita, scaricala subito!

10 Risposte

  1. Beppe ha detto:

    Dati non scontati, calcolando quanto i second brand di TIM Vodafone e WINDTRE puntino ad affossare con le loro offerte oltre che iliad anche PosteMobile, CoopVoce e in generale i principali MVNO.

  2. Vincenzo Leone ha detto:

    E’ da circa un mese che la connessione dati, leggendo anche in giro è molto migliorata. Nel mio caso noto maggiore fluidità e down triplicato in qualsiasi ora del giorno. Forse si sono resi conto che con i vari CAP applicati sulla rete hanno perso parecchi clienti.

  3. Renzo ha detto:

    Ricordiamo anche che esistono diverse sim human, attive su rete Vodafone, e che, contro ogni regola AgCom le sim PosteM9bile non scadono.

    • Redazione ha detto:

      Non è l’unico operatore che ha SIM che non scadono mai purtroppo.

      • Rob ha detto:

        Si può approfondire su quali gestori siano così scorretti?

      • Blob ha detto:

        Ma non disattivare il numero di telefono a lungo andare non rappresenta un costo per l’operatore? Finite le combinazioni con un dato prefisso ne dovrà essere assegnato un altro e quest ultimo non è esente da costi.Che cosa gli giova nel dichiarare il falso ?

        • Renzo ha detto:

          Sì domanda interessante, ma nel caso di PosteMobile, tieni conto che non è poi così male, evidentemente, pubblicizzarsi come il primo operatore mobile virtuale d’Italia. Evidentemente ripaga loro di eventuali costi aggiuntivi per mantenere le sim attive ad eternum.

      • unnamed ha detto:

        Perché SIM per telefono dovrebbe andare scaduta dopo un anno?

        Sulla Bibbia non c’è mica scritto nonostante i mille decreti pro-chiusura! Una delle solite tasse feudali dei gestori della telefonia mobile della vecchia generazione in un paesino italìa dove il feudalesimo è una pratica diffusa anche e soprattutto nell’anno 2020. Eppoi ci raccontarono la favoletta dell’ex “avvocato del popolo” garante del feudalesimo però!

    • cenzino85 ha detto:

      Infatti quelle sono SIM che anche dopo 3 anni risultano attive senza utilizzarle, quindi i dati non sono veritieri.

Commenta o Rispondi ad un commento..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: