Optima Italia vittima di un attacco informatico. Ripristino dei servizi il prima possibile


Come segnalato ieri, arriva da parte di Optima Italia una nota stampa ufficiale dove viene comunicata la causa del disservizio in corso che non permette, tra le altre cose, di poter contattare il Servizio Clienti o ricaricare le SIM dell’operatore mobile virtuale Optima Mobile.

Optima Italia attacco informatico

Questo quanto comunicatoci pochi minuti fa, dove i nostri sospetti relativi ad un attacco informatico trovano ora conferma:

Optima Italia conferma di essere stata oggetto nei giorni scorsi di un attacco di pirateria informatica all’indirizzo della propria infrastruttura tecnologica.

Grazie alle stringenti misure di sicurezza adottate da sempre dall’azienda, gli effetti sono contenuti e al momento non risulta compromessa l’integrità e la riservatezza dei dati degli utenti.

Un team di esperti informatici è al lavoro per accertare le dinamiche dell’azione malevola e ripristinare la normale operatività dei sistemi, per rimediare alla eventuale violazione del diritto alla riservatezza e alla disponibilità dei dati personali degli interessati.

Contestualmente Optima sta procedendo a denunciare l’accaduto alle autorità competenti per individuare i responsabili e salvaguardare i diritti propri e degli interessati.

Ulteriori informazioni sono presenti sul sito istituzionale con una sezione domande e risposte.

Il Responsabile della protezione dei dati (DPO) è l’Avv. Alessia Lubrano (contatti:  email: privacy@hotspotoptima.com – pec: optimaitalia@legalmail.it – posta ordinaria: corso Umberto I, 174 – 80138 Napoli ).

Non è stata comunicata una tempistica di ripristino di tutti i servizi coinvolti da parte della società, ma la problematica dovrebbe rientrare il prima possibile (forse già in giornata).

Nel frattempo, sul sito ufficiale è comparsa una sezione di domande e risposte dedicata alla sicurezza e in particolare al pishing (qui il documento integrale) e lo stesso comunicato riportato sopra.

Appena ci saranno conferme che la problematica sarà ufficialmente rientrata, torneremo ad aggiornare questo articolo.


Segui MVNO News anche su Google Newsclicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti al nostro canale Telegram e alla community su Facebook Twitter. MVNO News è inoltre una comoda Web App gratuita, scaricala subito!

22 Risposte

  1. Maurizio ha detto:

    Adesso dal sito è possibile ricaricare la SIM, hanno attivato una nuova sezione

  2. SuspectFile ha detto:

    Buongiorno, nell’articolo viene fatto riferimento al comunicato stampa Optima Italia S.p.A. riguardo l’attacco informatico subito la scorsa settimana. Non viene però né citato l’URL, né è presente il link che permetta d’accedere alla fonte.
    E’ possibile, da parte dell’autore dell’articolo, conoscerlo? Grazie.

    PS: l’attacco informatico subito da Optima italia S.p.A. è riconducibile al gruppo Ransomware DoppelPaymer. Oggi sono stati pubblicati, all’interno delle reti Tor, i primi dati sottratti all’azienda.

    Marco aka amvinfe

  3. G M ha detto:

    non capisco perché non si possa ne conoscere il credito residuo ne ricaricare visto che questi servizi sono gestiti da effortel.

  4. Andrea ha detto:

    Ma che attacco hacker…. questo potrebbe forse essere per l’area clienti dove è possibile pagare le bollette.

    Mi spiegate allora perchè le linee ADSL voce/dati che non c’entrano nulla con l’attacco hacker, sono isolate dal 4 settembre e non risponde nessuno su help desk e canali social?

    OPTIMA è scomparsa nel nulla, ha tutta l’aria di essere una chiusura premeditata, dopo le ferie non hanno riaperto.

    • Salvo ha detto:

      questa cosa delle adsl non la sapevo. Boh non ne ho idea ma mi sembra strano che dicano di essere stati attaccati visto che con la GDPR ora è un casino la prassi per avvisare i clienti, garante ecc… dell’attacco

      • Andrea ha detto:

        Stiamo ancora a discutere perchè…. è molto semplice… hanno incassato le bollette di fine mese, poi sono scappati senza avvertire i clienti.

        • Mattia ha detto:

          Metti il nome reale, così quando si risolverà , potremo elogiare la tua ignoranza , hanno già ripristinato tutte le dsl e ricariche SIM. Il pagamento delle fatture riguarda il periodo precedente, solo un imbecille potrebbe pensare di prendere i soldi dei mesi precedenti, continuare a dare il servizio e scappare .

          • Redazione ha detto:

            Per cortesia moderazione nei toni…

          • Andrea ha detto:

            Sei di Optima Italia? Ti ringrazio, finalmente qualcuno che mi risponde dal 4 di settembre quando tutto ha smesso di funzionare, per quanto mi riguarda i servizi sono ancora down – http://www.optimaitalia.com/pagina-non-raggiungibile.html – Ma è vero che avete deciso di diversificare il businness e lanciarvi su prodotti per la salute? Quanto costano le mascherine FP2? grazie

            • Pappaka ha detto:

              Beh, se punti alla pagina non raggiungibile con il link che hai postato è ovvio che arrivi a “PAGINA NON RAGGIUNGIBILE”
              La homepage funziona: http://www.optimaitalia.com/

            • Marco aka amvinfe ha detto:

              @Pappaka
              in realtà, a seguito dell’attacco informatico, ci sono ancora alcuni servizi che non sono stati ripristinati “Area Clienti” e la “Chat Assistenza”.

            • Andrea ha detto:

              caro Pappaka mi pare di essere stato chiaro, comunque se clicchi sull’AREA CLIENTI dalla HOME compare il messaggio “pagina non raggiungibile”… la home non ha nessuna funzionalità è una semplice pagina html. Inoltre servizi di connettività ADSL conntinuano a non funzionare dal 4/9… nessuno risponde, silenzio

        • Andrea ha detto:

          La connettività ADSL venduta da OPTIMA continua a non funzionare da 15 giorni ed è fornita da Telecom, per cui l’hackeraggio sui loro sistemi non ha riscontro diretto, avrebbero dovuto fare un’hacking sui sistemi Telecom.

          Inoltre Optima da inizio anno ha diversificato l’attività su Prodotti per la salute, è più redditizio della telefonia: http://www.optimanaturals.net/ithttps://www.pillolastore.com/marchi/optima-italia-srl

  5. Rocco ha detto:

    Sono d’ accordissimo con voi.Allora perche’ tutti gli operatori propongono gli acquisti delle sim on line visto che i dati sono a rischio? Secondo me e’ un quesito che non si risolvera’ mai ,primo perche c’e’ l’ interesse economico di acquisire e vendere i dati e secondo perche’ anche i governi come quello italiano promuovono i pagamenti online sapendo che c’e’ il rischio di furto dei dati.

    • Stefano ha detto:

      Se fai un acquisto on line e i dati non vengono conservati dopo il pagamento, non c’è più rischio di quanto non ce ne sia a infilare la carta in un POS. L’hacker dovrebbe intercettare la connessione o sostituirsi al sito vero, e dovrebbe o decriptare la connessione HTTPS o sostituirsi al sito originale, falsificando i certificati. La rivendita dei dati che può far comodo a multinazionali e governi non è la vendita dei pin delle carte di credito, ma la vendita delle statistiche personali o aggregate sugli acquisti delle varie persone: i governi saprebbero chi spende più di quel che guadagna, e le multinazionali avrebbero dati affidabili per gli annunci mirati.

    • Salvo ha detto:

      perché se dovessimo ragionare pensando al rischio nulla si muoverebbe, non solo sul web. Il rischio c’è quando guidi ma quasi tutti portiamo la macchina, il rischio c’è quando vai in bici ma il ciclismo esiste, il rischio di schiantarsi con un aereo esiste ma gli aerei volano e così via. Dietro c’è sempre uno studio statistico e per ogni cosa la statistica parla chiaro…
      I casi problematici (nel caso dell’informatica intendiamo gli attacchi) esistono ma nel complesso in generale prevale sempre la sicurezza. Per farla breve, seppur il rischio c’è, gli attacchi, in numeri, sono sempre minori rispetto al servizio offerto oggetto dell’attacco. Se poi mettiamo pure che generare un attacco, specie per i DDOS, ha anche un costo economico, molte volte anche alti, prima di fare un attacco si pensa due volte. Ecco perché vengono atttaccate aziende grosse e conosciute, perché dietro si sa che il ritorno economico sarà maggiore dell’investimento dovuto all’attacco.

      A monte poi manca la cultura dell’informazione. Seppur le aziende investano in sicurezza, la maggior parte degli attacchi sono dovuti all’ignoranza, passatemi il termine, dell’utente medio che è spesso vittima di pishing, adware, trojan ecc proprio perché a monte manca la cultura della prevenzione dagli attacchi.

  6. Carmine ha detto:

    Veramente se posso dire la mia, l’anno scorso anche molte aziende di livello internazionale e mondiale sono state oggetto di attacco informatico.
    Non si tratta di operatori marginali, anzi, più sei grande più sei a rischio.

  7. Salvo ha detto:

    Quindi il più grande attacco hacker della storia subito da Sony, in cui sono stati rubati oltre 30 milioni di carte di credito è avvenuto perché Sony è un’azienda marginale? Sono un programmatore e ti posso garantire che nel campo informatico, nonostante protocolli e soluzioni di sicurezza, anche dispendiose di diversi milioni di dollari, purtroppo nessuno rimane immune dagli attacchi. Nel mondo informatico e a maggior ragione se i dati sono sul web, la sicurezza al 100% come intendete o cercate di credere voi utenti, purtroppo non esiste e dubito esisterà mai.

    • Stefano ha detto:

      Sono perfettamente d’accordo, anzi, se un’azienda è grande e ha tanti dati appetibili, anche gli sforzi degli hacker saranno più intensi e la perfezione della sicurezza non esiste. Per quanto riguarda i furti delle carte di credito, secondo me è imprudente che i siti e i browser propongano di tenerli salvati per futuri acquisti.
      Spero che, anche se nulla sia stato rubato dai server di Optima, gli utenti valutino attentamente in futuro se salvare o meno i propri dati di pagamento nei siti.

  8. Sandro ha detto:

    Operatori marginali, come successe anche a Lycamobile. Anche io sono per la convenienza, ma quando si mettono a rischio la sicurezza del cliente meglio puntare a soggetti infrastutturati come i full MVNO o agli operatori reali. Penso a chiunque darebbe fastidio che la propria carta d’identità andasse a spasso!

Commenta o Rispondi ad un commento..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: