Linkem prende il controllo di Tiscali: nasce quinto operatore nel fisso e primo nell’ultrabroadband FWA+FTTH

Linkem Tiscali

Linkem si “pappa” Tiscali. È questo in sostanza quanto annunciato in serata dai due operatori in un comunicato stampa che pubblichiamo qui di seguito integralmente.

Fusione Linkem-Tiscali

Tiscali S.p.A. e Linkem S.p.A. annunciano di aver approvato l’accordo di fusione e il progetto di fusione per incorporazione di Linkem Retail, società interamente posseduta da Linkem S.p.A., in Tiscali.

La fusione si inserisce nell’ambito di una più complessa e articolata operazione diretta ad integrare in un’unica realtà societaria e commerciale il Gruppo Tiscali e il ramo retail del Gruppo Linkem al fine di sviluppare sinergie, consolidare e rafforzare la posizione di mercato.

A conclusione dell’operazione, Tiscali, con Linkem quale azionista di controllo, sarà il quinto operatore del mercato fisso e primo nel segmento degli accessi ultrabroadband nelle tecnologie FWA+FTTH – le più innovative e promettenti – con una quota di mercato complessiva pari al 19,4% (Fonte dati AGCOM), posizionata strategicamente per sfruttare al meglio le potenzialità delle tecnologie FTTH e 5G FWA.

Questi gli altri punti chiave illustrati nel comunicato stampa, che potete trovare in versione integrale in allegato, con i dettagli dell’operazione e i commenti dei rispettivi AD, Renato Soru e Davide Rota:

  • L’operazione prevede l’integrazione degli asset organizzativi delle società coinvolte al fine di generare significative sinergie industriali e cogliere al meglio le opportunità connesse all’implementazione del PNRR grazie ad un’offerta integrata di servizi fissi, mobili, 5G, cloud e smart city.
  • Nell’ambito dell’operazione è stato sottoscritto un accordo di fusione tra Tiscali S.p.A., Linkem S.p.A. e Linkem Retail S.r.l. e un patto parasociale tra Amsicora, Soru e Linkem.
  • Nell’ambito dell’operazione è stata approvata una proposta di raggruppamento (1:100) delle azioni Tiscali da sottoporre all’approvazione dell’assemblea.
  • L’efficacia della fusione è in ogni caso subordinata all’avveramento di diverse condizioni sospensive indicate nel progetto di fusione, pubblicato in data odierna sul sito internet di Tiscali.
  • Il completamento del progetto, in caso di avveramento di tutte le condizioni sospensive, è previsto entro il primo semestre 2022.

Torneremo sul tema, se con la fusione dovessero arrivare importanti novità che riguarderanno il servizio di telefonia mobile (dove al momento Tiscali opera come ESP MVNO).


Segui MVNO News anche su Google Newsclicca sulla stellina ✩ da app e mobile o alla voce “Segui”. Non perdere nemmeno una notizia, i nostri approfondimenti e le anteprime esclusive, unisciti al nostro canale Telegram e alla community su Facebook Twitter. MVNO News è inoltre una comoda Web App gratuita, scaricala subito!

Community MVNOUnisciti alla Community sui MVNO, i nuovi gruppi di discussione dedicati ai principali operatori mobili virtuali.

7 Responses

  1. Sandrino ha detto:

    Va bene essere nostalgici; ma quelli di Tiscali si sono distinti per essere uno dei peggior operatori sul mercato. Se funziona ritieniti fortunato, se hai problemi puoi solo pregare, tanto l’assistenza non risolverà nulla. Il WTTX ad esempio è un inferno. Soru è sempre stato un racconta favole che non ha mai mantenuto ed ha fatto la fine che si merita. Fondersi con Linkem è ridicolo; due delle peggiori realtà si fondono assieme, dovremo solo attendere sulla riva del fiume che passi il cadavere …

  2. davis13 ha detto:

    soru ha trovato a chi rifilare tiscali…

  3. Sandro ha detto:

    Speriamo il marchio Tiscali resti insieme alla loro trasparenza, io da anni sono loro cliente sul fisso e mi sono trovato sempre bene! Un pò mi dispiace che per sopravvivere devono concludersi vecchie realtà, ricordiamoci Tiscali fu il primo provider a far accedere gratuitamente con il 56k ad internet alla fine degli anni 90 mentre gli altri facevano pagare tantissimi soldi solo per l’accesso, le telefonate per la connessione erano pagate a parte.
    Qualche vecchietto come me lo ricorda benissimo!

  4. Balaclava ha detto:

    Ma non è il contrario?

    • Redazione ha detto:

      Hai letto bene il comunicato riportato nell’articolo? “A conclusione dell’operazione, Tiscali, con Linkem quale azionista di controllo, sarà il quinto operatore del mercato fisso…”

    • Pappaka ha detto:

      Alla data di efficacia della Fusione: Linkem deterrà una partecipazione pari al 62% del capitale sociale di Tiscali, Amsicora S.r.l. deterrà una partecipazione pari a circa il 3,7% del capitale sociale di Tiscali (di cui circa il 2,67% detenute direttamente e il restante 1,03% date in prestito a Nice&Green S.A.), Renato Soru deterrà una partecipazione pari a circa il 2,09% del capitale sociale di Tiscali.

Commenta o Rispondi ad un commento..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: